10 dicembre 2016

Migranti, oltre 34 cadaveri tra cui venti bambini trovati nel deserto del Sahara: tutti morti di sete

A migrant shouts a slogan as he wears a Tee Shirt with the message, "Open The Way" as he stands on the seawall at the Saint Ludovic border crossing on the Mediterranean Sea between Vintimille, Italy and Menton, France, June 14, 2015. On Saturday, some 200 migrants, principally from Eritrea and Sudan who attempted to cross the border, were blocked by Italian police and French gendarmes. REUTERS/Eric Gaillard - RTX1GG1X

I numeri della vergogna sono in continuo aggiornamento. Oggi almeno trentaquattro i migranti, tra le quali cinque uomini, nove donne e 20 bambini, sono stati trovati morti nel deserto del Sahara, almeno a sentire i funzionari nigeriani che hanno trovato i corpi nel deserto vicino alla piccola città di Assamakka al confine con l’Algeria. Il ministro dell’Interno Mohammed Bazoum ha dichiarato che sono probabilmente morti di sete, dopo essere stati abbandonati dai loro “dai passeur”. Secondo l’Oim, l’Organizzazione mondiale per le migrazioni, per il Niger passa una delle principali rotte migratorie “verso l’Unione europea” e “in particolare verso l’Italia”. Il 60 per cento dei migranti giunti in Libia, per raggiungere l’Italia attraverso il Mediterraneo centrale, “sono passati per il Niger”. Ancora poveri migranti vittime dell’ennesima tragedia, dichiara Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, colpevoli solo di aver tentato l’ennesimo viaggio della speranza alla ricerca di un futuro migliore.

Giovanni D’AGATA