11 dicembre 2016

Italia: lampo di Eder

E’ un lampo di Eder a due minuti dalla fine a regalare all’Italia il successo per 1-0 sulla Svezia e la qualificazione agli ottavi di finale. Per la seconda volta nella storia la Nazionale vince le prime due partite del girone al Campionato Europeo e sfata un tabù che durava da 16 anni, quando gli Azzurri vinsero le prime tre gare del girone ad EURO 2000 per poi essere beffati in finale dalla Francia.

Una vittoria sofferta quella ottenuta a Tolosa, contro una Svezia ordinata anche se quasi mai pericolosa dalle parti di Buffon. Rispetto all’esordio con il Belgio, l’unica novità nella formazione è l’inserimento di Florenzi sulla sinistra al posto di Darmian. Confermato il 3-5-2, con il blocco difensivo della Juventus davanti a Buffon e in avanti il tandem Pellé-Eder. Nella Svezia Guidetti vince il ballottaggio con Berg e il Ct Hamren affida le chiavi del centrocampo all’esperto Kallstrom e all’ex cagliaritano Ekdal. Di Ibrahimovic ce ne è uno in campo e migliaia sugli spalti, con la maglia gialla numero 10 a colorare le tribune di uno ‘Stadium Municipal’ in cui si alzano forti anche i cori dei circa 9mila tifosi italiani presenti.

Sin dalle prime battute si capisce che non sarà una passeggiata, con la Svezia che cerca di difendere alto e Florenzi sempre pronto a ripiegare in fase di non possesso. Ibrahimovic arretra spesso a centrocampo per impostare l’azione e poi lanciarsi in area alla ricerca di palloni alti su cui fiondarsi e al 3’ Chiellini si fa trovare pronto di testa a pochi metri dalla porta. Resterà l’unica potenziale occasione di un primo tempo avaro di emozioni, con gli Azzurri che si concedono qualche errore di troppo in fase di costruzione e la Svezia che tiene il pallino del gioco (60% di possesso palla dopo i primo 45’) pur senza creare pericoli.

Serve una scossa e l’Italia nella ripresa prova ad alzare i ritmi, Candreva e Florenzi riescono a spingere con maggior continuità sulle fasce e al quarto d’ora Conte fa esordire Zaza richiamando in panchina Pellè.  La partita resta bloccata e la Svezia continua a far paura solo con Ibrahimovic, che si divora un gol quando il guardalinee ha già alzato la bandierina. A un quarto d’ora dal termine Conte ripropone lo stesso cambio già visto a Lione, con Thiago Motta in cabina di regia al posto di De Rossi, mentre Hamren mette forze fresche in mezzo al campo inserendo Durmaz e Lewicki per Forsberg ed Ekdal.

A 9 minuti dal termine la prima vera grande emozione del match: cross di Giaccherini e incornata di Parolo, ma la traversa nega la gioia del gol al centrocampista della Lazio. Conte si gioca la sua ultima carta con l’ingresso di Sturaro per Florenzi, con Giaccherini spostato sull’esterno. E a due minuti dalla fine arriva il gol che vale l’aritmetica qualificazione agli ottavi: rimessa laterale di Chiellini, sponda aerea di Zaza, Eder brucia l’avversario diretto e con un destro a giro fulmina Isaksson realizzando la sua terza rete in Nazionale. Se domani a Bordeaux l’Irlanda non batterà il Belgio chiuderemo al primo posto il girone, senza nemmeno dover aspettare l’ultima sfida in programma il 22 giugno a Lille con l’Irlanda.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.