4 dicembre 2016

Dove va il mercato dell’arte

 

Compra l’arte e mettila da parte

Sta tornando la stagione dell’arte, sta tornando quella italiana, e soprattutto quella moderna e contemporanea, a fronte di una flessione dell’arte antica che ormai sembra sempre più relegata agli spazi museali. Dando un’occhiata alla classifica stilata dal Il Sole 24 Ore nel numero 659 del 9 gennaio 2016, nella Top Ten delle case d’asta italiane che hanno registrato numeri in crescita (e che numeri!) ben 5 hanno conosciuto un incremento delle vendite nel settore dell’arte moderna e contemporanea.

Chi ha investito sull’arte cinetica dei vari Biasi e Varisco, sugli spazialisti come Fontana su tutti, oppure sulla Pop Art italiana di Schifano, Festa e Angeli, ha fatto un’operazione a dir poco azzeccata. Gli artisti italiani del Novecento stanno infatti vivendo un momento di incredibile rivalutazione a livello internazionale: Burri è passato dai 1.5 – 2.2 milioni di euro di una decina di anni fa ai 10 – 15 milioni attuali; Fontana ha fatto segnare solo pochi mesi fa il suo nuovo record di vendita: 27,123 milioni di euro per Concetto Spaziale, La Fine di Dio (opera del 1964).

Gli emergenti: nuovi nomi e tendenze

patek philippeLe prospettive per l’immediato futuro? Il nome che viene da più parti segnalato è quello di Mimmo Rotella, che ha di recente segnato il suo nuovo record di 1 milione e 400.000 euro (900.000 sterline, venduto a Londra). Altro nome da seguire da molto vicino è quello di Piero Dorazio, un’intuizione targata Minerva Auctions che ha battuto il suo Weltfarbe I (1960) a 178.000 euro, partendo da una base d’asta di 80.000/120.000 euro.

Per quanto riguarda invece le categorie più in voga nei diversi settori merceologici, è Fabio Massimo Bertolo, direttore e founder della stessa Minerva Auctions, a rivelare un dettaglio importante. Essendo tutti noi ormai attori dell’attuale civiltà delle immagini, è il linguaggio universale delle figure ad ottenere un crescente interesse da parte del pubblico acquirente. I libri illustrati portano la bellezza delle raffigurazioni direttamente sulla pagina stampata e costituiscono un prodotto sempre più appetibile anche a livello internazionale.

Gli esclusi

Cala nettamente l’arte antica e quella orientale. La prima trova ancora un certo margine di sopravvivenza negli oggetti più rari, dalle stampe antiche a manufatti preziosi. Mentre la seconda risente inevitabilmente del quadro economico mondiale, dove l’area asiatica conosce una repentina contrazione economica che scoraggia molti possibili acquirenti.

Insomma, il periodo sembra essere uno dei più rosei per le case d’asta italiane. La ripresa era già stata avviata circa due anni fa, almeno nel corso del 2014 e si è nettamente confermata nel 2015. Il 2016 sembra essere cominciato anch’esso molto bene per i numerosi imprenditori italiani del settore: il terzo anno di crescita, se confermato nel prossimo semestre, sarebbe una conferma molto importante per il nostro paese. L’Italia si piazza per il momento al settimo posto delle più importanti piazze mondiali, preceduta a breve distanza da Svizzera e Germania. Il campo internazionale è inoltre un terreno imprescindibile anche per i singoli collezionisti che spesso e volentieri devono reggere l’onda d’urto dei magnati stranieri.