6 dicembre 2016

Furbetti del cartellino, Brunetta: “I dipendenti della PA sono privilegiati ma il pesce puzza dalla testa”

21/10/2013 Roma, un caffè con..., nella foto Renato Brunetta

Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Gli annunci di Renzi e Madia. “La vicenda di Sanremo è avvenuta tutta grazie alla mia riforma, Renzi non ci ha messo nulla –ha affermato Brunetta-. Renzi sono due anni e mezzo che annuncia, ha annunciato anche ieri, ma tutto quello che si è fatto in questi anni si è fatto grazie al governo Berlusconi e alla riforma Brunetta. Una riforma che Renzi, Madia e i giornalisti di sinistra hanno combattuto. Adesso il mondo sembra cambiato: i sindacati non scioperano, Repubblica applaude il governo Renzi che non ha fatto niente. Renzi è sempre esagerato e un po’ ridicolo, è diventato una macchietta. Parla di sospensione in 48 ore e licenziamento in 30 giorni, non è vero nulla. Sarà comunque il giudice a decidere, Renzi ancora una volta prende in giro gli italiani con la sua annuncite cronica. La Madia non sa che sul posto di lavoro la videosorveglianza non è possibile farla. I video che abbiamo visto sono stati fatti dalla guardia di finanza con un mandato della magistratura. La povera Madia dice stupidaggini, in due anni e mezzo la Madia non è riuscita a fare nulla perché i suoi provvedimenti, anche quelli farlocchi, non sono ancora in vigore. Forse Renzi e la Madia non sanno che a decidere sarà sempre il giudice e ci sono regole e principi fondamentali che non danno in nessun caso la certezza del licenziamento, anche perché le prove video non sono acquisibili se non dopo una denuncia. Ricordo che negli anni della mia riforma Renzi era sindaco di Firenze e me ne disse di tutti i colori, la Cgil mi ha fatto 12 scioperi generali. L’80% degli italiani dai sondaggi era con me, la stragrande maggioranza dei pubblici dipendenti che è perbene era con me. L’assenteismo si ridusse del 50%, ma i giornaloni di sinistra mi attaccavano in tutti i modi e in tutte le forme”.

Dipendenti pubblici privilegiati. “La categoria dei dipendenti pubblici è privilegiata perché non rischiano mai il posto di lavoro –ha affermato Brunetta-. Svolgono servizi fondamentali, come ospedali, tribunali, la PA. Con questi chiari di luna avere un posto fisso, che non rischi, in cui la produttività tutto sommato è blanda, non hai il padrone che ti sta col fiato sul collo, la remunerazione è medio alta, è sicuramente un posto di lavoro privilegiato. Il meccanismo di premialità? E’ già legge, solo che a causa della crisi non sono stati messi i soldi per applicare il meccanismo che diceva che della somma per il salario accessorio la metà doveva essere data ai più bravi, una parte a quelli medi e ai lavativi nulla. Anche su questo ci furono fulmini e saette da parte della sinistra, dello stesso Renzi. Il pesce puzza dalla testa. Io me la prendo con i lavativi, ma soprattutto con i loro dirigenti. E’ impossibile che i dirigenti non sappiano nulla. Tutti sanno tutto. Se un terzo dei dipendenti timbra in maniera fasulla il cartellino, possibile che il dirigente non lo sapesse? Bisogna che i dirigenti non siano più coperti dalla cattiva politica e bisogna che i sindacati non proteggano più i dirigenti e i lavativi. La Madia non ha fatto nulla, ha confuso solamente le carte, protetta da Renzi l’imbroglione”.

Le promesse di Renzi. “Anche sulla casa Renzi ha preso in giro la gente, la pressione fiscale è aumentata –ha affermato Brunetta-. Ma c’è l’effetto boomerang: racconto di balle in continuazione che può funzionare i primi tempi, ma poi la gente si accorge che è più povera e inizia ad andargli contro, alle amministrative e poi al referendum”.

Berlusconi e il centrodestra. “Berlusconi ha sempre fatto di testa sua per fortuna sua, della sua famiglia, delle sue aziende e di FI –ha affermato Brunetta-. Io auspico che un Berlusconi che stia bene continui a fare di testa sua. Il centrodestra è maggioritario nel Paese, perde solo se è difeso. Serve un centrodestra riformatore, moderato, dobbiamo lavorare molto su questo come centrodestra, al momento non è ancora questa la situazione, ma credo che in vista del referendum di ottobre saremo uniti e credibili e di vincere non solo sul no al referendum ma sui tanti sì di cui ha bisogno l’Italia”.

Fonte: Radio Cusano Campus