25 febbraio 2017

Roma, Comitato Informazione Libera: al sit-in di protesta un varco verso la libertà di informazione

 

Si è svolto ieri, 15 giugno 2016,  in piazza Montecitorio il sit–in di protesta contro il carcere e le querele temerarie nei confronti dei giornalisti. Il comitato di giornalisti “informAZIONE libera”, si è ritrovato insieme a molti cittadini e operatori dell’informazione, intervenuti davanti all’obelisco del Parlamento, per sensibilizzare l’opinione pubblica contro le norme che prevedono la misura restrittiva del carcere fino a sei anni per i giornalisti.

“Significativa la presenza del Presidente Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Enzo Jacopino, del Ministro Enrico Costa e del giornalista Giulietto Chiesa, alla nostra manifestazione di protesta – afferma il Comitato spontaneo “InformAZIONE Libera” – questo ha rafforzato il nostro impegno nel rendere consapevole l’opinione pubblica riguardo il sistema legislativo in vigore, che reprime invece di incentivare, la libertà di espressione degli operatori dell’informazione.

Con questa iniziativa – proseguono, Antonio di Giovanni, Daniela Molina e Massimo Manfregola, fondatori del Comitato InformAZIONE Libera – si è aperto un varco verso una vera libertà di informazione che getta le basi, per una società che non preveda al suo interno misure restrittive come il carcere per i giornalisti che rendono note verità ”scomode” attraverso i propri articoli.

Noi giornalisti siamo gli occhi e le orecchie dei cittadini e abbiamo il dovere di informarli su tutto, anche sugli eventi negativi e spiacevoli ma non per gettare fango su qualcuno bensì per evitare che si ripetano e per fare da stimolo alla risoluzione dei problemi dei cittadini e della società. Se i giornalisti agiscono nel rispetto delle regole di un’informazione responsabile e forniscono notizie di interesse generale, accompagnate da opinioni che contribuiscono al dibattito pubblico, le Autorità e le Istituzioni non possono e non devono disporre condanne per diffamazione.

Non solo, ancora una volta Strasburgo ha dato una linea di indirizzo al quale non possiamo, come Paese democratico, sottrarci: la Corte Europea dei diritti dell’Uomo ha di fatto chiarito che il carcere per diffamazione è incompatibile con la Convenzione, salvo in casi eccezionali come l’incitamento all’odio e che le sanzioni penali sono sproporzionate per questa tipologia di reato potendo avvalersi di rimedi sul piano civile