7 dicembre 2016

#JoCox: deputata inglese favorevole al #Brexit uccisa

L’annuncio della morte è stato dato da Dee Collins, capo della West Yorkshire Police, durante una conferenza stampa a Wakefield, ha rivelato inoltre che la deputata è stata dichiarata morta sul luogo dell’attacco e che non è stato possibile rianimarla in ospedale.

Gli investigatori britannici non si sono ancora sbilanciati sul movente che possa aver portato l’uccisione della Cox, Dee Collins infatti non ha né smentito né confermato che si sia sentito gridare l’aggressore “Britain first” (la Gran Bretagna prima di tutto). Ovviamente ha invitato tutti i testimoni a farsi avanti per fornire elementi sull’accaduto ed ha precisato che sono state recuperate alcune “armi”

Jo Cox era schierata contro la Brexit, in vista del referendum britannico sull’Unione Europea del 23 giugno, favorevole inoltre a favore dell’immigrazione, è stata attaccata oggi a Birstall, nei pressi di Leeds, da un uomo che avrebbe gridato “Britain first”.

Da quanto riportato dalla Bbc, la deputata che si trovava nella sua circoscrizione per il consueto incontro con gli elettori,  è stata ferita con un coltello e anche con colpi di arma da fuoco. La Cox, dopo l’attacco è stata trasportata in eliambulanza all’ospedale di Leeds.

La vittima ha lottato contro l’aggressore prima di cadere a terra tra due automobili parcheggiate. Questo quanto emerge dal racconto di un testimone oculare all’agenzia PA, dicendo di aver individuato l’aggressore in un uomo con un cappello da baseball che a un certo punto, mentre la deputata cercava di tenerlo fermo, è riuscito a tirare fuori un’arma da una borsa e a sparare. Il testimone, nello scontro, ha visto coinvolto anche un altro uomo, che probabilmente cercava di bloccare l’assalitore e che risulta essere stato ferito.  È stato arrestato un uomo di 52 anni.

Il leader del Labour britannico, Jeremy Corbyn, si è detto “totalmente scioccato” per l’attacco. “I pensieri di tutto il Partito Laburista sono con lei e con la sua famiglia”, aveva detto Corbyn citato dall’agenzia Pa.

Boris Johnson ha sospeso il tour sul bus della campagna referendaria Vote Leave dopo aver ricevuto la notizia della deputata Jo Cox rimasta gravemente ferita in un attacco. L’ex sindaco di Londra, fra i maggiori esponenti euroscettici, ha definito il fatto come ”assolutamente orribile”.

Anche la campagna ‘Remain’ dopo quella ‘Leave’ ha deciso di sospendere la campagna per il referendum sulla Brexit in seguito al’attacco alla deputata laburista.

In una nota diffusa da Downing Street, la morte di Jo Cox “è una tragedia” per la Gran Bretagna. Così il premier David Cameron sull’uccisione della deputata laburista. “Era una parlamentare impegnata e premurosa, i miei pensieri vanno a suo marito Brendan e ai suoi due figli piccoli”, si legge in una nota diffusa da Downing Street.