10 dicembre 2016

Grottaferrata celebra la Festa della Musica: tre giorni di concerti, divertimento e grande spettacolo

 

La Festa europea della Musica conquista Grottaferrata in tre giornate dedicate al grande spettacolo. Promossa dall’Amministrazione comunale, dalla Proloco, dal Centro Socio Culturale, dall’Associazione Commercianti e dall’Associazione “La Tua Grottaferrata”, la manifestazione si svolgerà nelle date di sabato 18, domenica 19 e martedì 21 giugno p.v.

Il 18 giugno, alle ore 18.00, presso l’Istituto Benedetto XV di Via del Grottino, si terrà un concerto a cura dell’Associazione Musicale ‘Karl Jenkins’, con brani di Joseph Bodin de Boismortier, eseguiti dai Maestri Romeo CIUFFA e Chiara STRABIOLI. Spazio poi ai gruppi musicali che, tra le 20.00 e le 24.00, si esibiranno a Piazza Cavour, Corso del Popolo, Via Gregorio di Tuscolo e Piazza Giordano Bruno.

Domenica 19, invece, la Cittadinanza sarà allietata dal Grande Coro di Roma, per un imperdibile show dalla straordinaria intensità nel cortile dell’Abbazia di San Nilo, di fronte alla statua del Santo Patrono. A partire dalle ore 18.00 sarà possibile ascoltare musiche e colonne sonore da musical e film celebri, spaziando da “My Fair Lady” a “Il Mago di Oz”, “State Fair”, “Il Principe d’Egitto” e molti altri.

Dalle 18.00 alle 24.00, “La Tua Grottaferrata” coinvolgerà il pubblico in un evento speciale a Piazza Mazzini diviso in due parti: la prima, in collaborazione con il centro Curanatura, prevedrà la riqualificazione della piazza, grazie al supporto dell’Ufficio Tecnico del Comune e degli Studenti del Liceo Artistico San Giuseppe. La seconda, invece, vedrà protagonisti dei giovani talenti, il compositore Gianmarco MERLINI, la compagnia Musikè con brani tratti dal “Gobbo di Notre Dame” ed infine il ritmo della Discodance.

Martedì 21, alle ore 18.00, tornerà ad esibirsi a Piazza Cavour una delle formazioni più note della Cittadina criptense: la C.O.S.M.I.C. Sband dell’Associazione culturale Alchimia, un gruppo musicale che unisce l’arte all’inclusione sociale; composta inizialmente da utenti e operatori della Salute Mentale, nel tempo ha coinvolto Cittadini e persone del Territorio che vivono una condizione di disagio mentale.

In contemporanea, si svolgerà in Via del Pratone un evento collaterale, promosso privatamente da Carrefour Market, con i gruppi musicali DNA – Dreams’n Alchemy e Spirito Nomade.

E non poteva mancare certo l’apprezzata Corale Polifonica di Grottaferrata che, assieme alla Corale Martini di Colleferro, proporrà un’esibizione conclusiva per il 21 giugno, alle ore 21.00, presso la Piazzetta di Corso del Popolo. Dal titolo “Canta che ti passa”, l’esecuzione ripercorrerà classici di autori come Rossini ed Offenbach fino a canzoni di artisti contemporanei.

La Festa Europea della Musica è nata per la prima volta in Francia nel 1982 per idea del Ministero della Cultura francese. Dal 1985 è stata estesa all’Europa per poi raggiungere, nel 1995, le città fondatrici dell’Associazione Europea Festa della Musica: Barcellona, Berlino, Bruxelles, Budapest, Napoli, Parigi, Praga, Roma e Senigallia. Oggi, in Italia, la manifestazione si tiene in oltre centoventi città.

Nell’edizione di quest’anno, le località del Lazio coinvolte saranno Anagni, Anguillara, Castel Nuovo di Porto, Frascati, Grottaferrata, Guidonia, Mentana, Rieti e Roma.

L’Assessore alle Tradizioni ed Eventi, Michela PALOZZI, entusiasta per questi tre giorni imperdibili, si è così espressa: «Sono davvero soddisfatta che Grottaferrata si sia inserita per la prima volta nel circuito della Festa europea della musica. Invito la Cittadinanza a lasciarsi conquistare della magia che, per tre giorni, invaderà la nostra Cittadina. Festa, cultura, divertimento e tradizione si incontreranno per un intrattenimento unico. E’ solo l’inizio, a suon di note, di un’estate ricca di eventi ed iniziative!».

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.