Europei, Conte: “Non farò grandi cambiamenti, la qualificazione è il nostro primo obiettivo”

Avanzare un passo per volta, con i piedi ben piantati per terra e lo sguardo proiettato in avanti, a quella qualificazione agli ottavi di finale che rappresenta il primo vero obiettivo da centrare in questo Europeo: Antonio Conte sa che un successo contro la Svezia regalerebbe all’Italia il passaggio del turno senza dover aspettare gli ultimi 90 minuti con l’Irlanda, un traguardo ancora da raggiungere dopo i tre punti conquistati all’esordio: “Abbiamo fatto una buona prestazione con il Belgio – ribadisce in conferenza stampa pochi minuti dopo l’arrivo a Tolosa del charter della Nazionale – ma non abbiamo ancora fatto niente né abbiamo raggiunto la qualificazione agli ottavi, che è il nostro primo obiettivo. Quindi piedi per terra, i ragazzi sono concentrati e determinati, cerchiamo di affrontare nel migliore dei modi il match e meritare la vittoria. In questo Europeo stiamo vedendo partite molto equilibrate, ogni gara è molto difficile e c’è grande preparazione da parte di tutti”.

Anche stavolta come prevedibile il Ct non annuncia l’undici titolare, ma anticipa che il turn over non sarà troppo ampio: “C’è stato tempo per recuperare, parlare di stanchezza mi sembra eccessivo visto che ci siamo preparati per giocare così spesso. Fino a domattina farò le mie valutazioni, secondo il mio occhio, vedendo i test e parlando con i ragazzi. Ma non penso di fare grandi cambiamenti”.

Pur non avendo impressionato all’esordio,  la Svezia è un’avversaria da non sottovalutare e Zlatan Ibrahimovic resta uno dei giocatori più forti al mondo: “Andiamo ad affrontare una squadra quadrata – avverte Conte – con una stella come Ibrahimovic a cui bisogna fare molta attenzione, un calciatore in grado di spostare gli equilibri. E non c’è solo lui, ci sono altri calciatori pericolosi e dovremo essere bravi a non esaltare i loro pregi”.
Se è vero che l’Italia e in particolar modo la difesa azzurra è chiamata al difficile compito di arginare Ibra, anche Conte ha diverse frecce al proprio arco a cominciare da Graziano Pellé, sinora una delle più belle sorprese di questo Europeo: “Ha una storia particolare – sottolinea il Ct – perché è dovuto andare all’estero per affermarsi in Nazionale, dato che in Italia giocava poco o nulla. Confrontarsi con altre realtà gli ha dato sicurezza sotto tutti i punti di vista, è un buonissimo attaccante che ha mezzi fisici importanti. Sono contento per lui perché la sua storia dimostra che la volontà e l’abnegazione non conoscono ostacoli”.

L’esperienza è spesso la miglior compagna dell’umiltà e Gigi Buffon sa che può essere molto rischioso cullarsi sugli allori: “L’inizio è stato confortante, probabilmente non ce l’aspettavamo neppure noi – ammette il capitano – ma la nostra forza è che siamo consapevoli dei nostri limiti e sappiamo cosa dobbiamo mettere in campo. Questa è la garanzia che non steccheremo la seconda partita, che specialmente negli ultimi tornei ci ha creato problemi”.

E di problemi potrebbe crearne Ibrahimovic, che già in passato ha giocato qualche brutto scherzo all’Italia: “Lo temiamo tantissimo, fa parte di quella schiera di campioni che fanno le fortune delle squadre in cui giocano. La Svezia non è solo Ibra perché ha altri ottimi calciatori, ma un talento come il suo, la forza, la convinzione e la consapevolezza di essere un campione non è riscontrabile in altri ragazzi. Per me e la nostra difesa sarà un bel problema”. La speranza è che la retroguardia azzurra confermi quanto di buono fatto vedere nel match con il Belgio: “Ho sempre avuto feeling con i miei compagni di difesa – spiega Buffon – siamo un reparto molto collaudato e ci stimiamo, sapendo che a questi livelli non ci si può rilassare”. Uno dei migliori in campo a Lione è stato senza dubbio Leonardo Bonucci, sempre più autoritario e sempre più ‘regista’ della difesa: “Ha dei piedi felici, sa impostare benissimo e ha la personalità e il coraggio per cercare qualche giocata al limite. Negli anni è migliorato tantissimo ed è un calciatore di livello mondiale”.

Dopo aver sottolineato i meriti di Conte (“ci ha portato una mentalità secondo cui il risultato è figlio del sacrificio”), il portierone azzurro torna con il pensiero a dieci anni fa, quando a Berlino si laureò campione del mondo: “Come allora abbiamo vinto la prima partita 2-0, poi il gruppo si forgia e si compatta e diventa ancora più forte andando avanti e conseguendo dei risultati. E’ anche vero che c’è la predisposizione sin dal primo giorno di raduno a Coverciano a creare un’ amalgama, una sintonia, perché crediamo in questi fattori, in questi ingredienti. E se nel 2006 siamo riusciti a compiere quella impresa, è stato anche per una forza e un’unità di intenti che si può raggiungere solo quando 23 ragazzi e tutto lo staff ragionano all’unisono”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7127 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.