8 dicembre 2016

Di Pietro contro Sgarbi: “Mi deve centinai di migliaia di euro per sentenze già passate in giudicato”

 

Antonio Di Pietro è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Antonio Di Pietro ha duramente attaccato Vittorio Sgarbi: “Sgarbi che parla tanto deve rispettare la legge, le sentenze e la giustizia. Io con Sgarbi ho una decina di cause di cui otto già a sentenza. E’ stato già condannato sette otto volte per diffamazione. E lui non paga, semplicemente perché apparentemente nulla tenente. Mi deve qualche centinaia di migliaia di euro. Sono già sette sentenze esecutive e lui che fa sempre il saputello e il primo della classe non paga nessuno e non rispetta le sentenze. E oltre a me ha una miriade di altri creditori. E’ un mal pagatore, non rispetta gli impegni e questo lo rende una persona non affidabile. I cittadini quando lo vedono pontificare in televisione, che sa tutto lui e fa tutto lui, gli chiedessero chi sono i suoi creditori”.

Sgarbi a parte, Di Pietro ha detto la sua sui ballottaggi di domenica, indicando chi voterebbe a Milano, Torino, Roma e Napoli: “A Torino c’è Fassino che a mio avviso ha saputo vendersi male ma ha fatto bene. Voterei lui. Voterei Fassino, non Pd, lo specifico. Al secondo turno si deve votare il sindaco, a prescindere dalle squadre e dai partiti. A Milano invece il mio voto andrebbe a Parisi. Bisogna scegliere tra loro due, non tra i partiti di appartenenza. Io personalmente ritengo, pur non avendo nulla contro Sala, che il candidato del Pd dia l’idea di un’opera incompiuta. Sala mi sembra tipo la Salerno Reggio Calabria o tipo Expo, di cui ancora adesso devo capire i conti. Non voglio accusarlo di nulla, ma nel dover scegliere sceglierei Parisi. A Roma non avrei dubbi, forza Virginia Raggi. Roma è così delicata, la situazione è così complessa, che ci vuole necessariamente una persona che non abbia alcuna relazione con il passato. E poi Roma può essere un buon banco di prova per il Movimento Cinque Stelle. A fare opposizioni sono bravi, ma bisogna anche vedere come si comportano al governo. A Napoli? Qui sorprenderò. A Napoli tornerei a De Magistris. A votare non puoi non andare, se vai a votare e non voti De Magistris, chi voti? Mi piace De Magistris perché è sganciato da tutti gli apparati della Napoli da bere”.

Fonte: Radio Cusano Campus