7 dicembre 2016

Un pezzo di Motor Valley a Imola: la collezione Battilani

Emilia Romagna terra dei motori. Per la sua promozione nasce la Motor Valley, progetto ma anche sito di informazione per raggruppare le più interessanti cose da fare e vedere con le due ma anche quattro ruote.

Imola fa parte del circuito Motor Valley la collezione Battilani, grande raccolta di motociclette d’epoca del ventesimo secolo, dal 1902 in avanti, che conta svariate decine di esemplari italiani e stranieri (e visitabile gratuitamente il prossimo 17 giugno insieme a Motosapiens – leggi sotto per più info!). Proprietario della collezione è Benito Battilani, grande appassionato di due ruote che ha iniziato a collezionarle alla fine degli anni ’50. Per capire l’entità di questa passione, basti pensare che è stato anche campione dell’ultima edizione del programma televisivo Lascia o raddoppia proprio per la materia “moto ante-guerra”.

L’importanza della Collezione Battilani è presto detta: si tratta infatti di un vero e proprio percorso storico che va dalle biciclette evolute con il serbatoio sotto la canna alle 4 cilindri degli anni venti-trenta-quaranta; per fare qualche nome, dalle Frera che ha raccolto per «salvare il più importante marchio italiano dei primi decenni del novecento» alle Harley Davidson. Ci sono poi alcune chicche davvero notevoli: la Harley Davidson con cui Umberto Faraglia ha stabilito il record dei 175 chilometri orari sulla Roma-Ostia negli anni ’20, la Motoborgo 500 monocilindrica di una delle prime donne a competere in moto ovvero la campionessa italiana Vittorina Sambri, la prima motocicletta con cui ha corso Loris Capirossi nel campionato europeo, una Mancini. A completamento della collezione, impeccabile dal punti di vista filologico, vi sono decine e decine di poster motoristici, riviste dedicate alle due ruote (come tutti i numeri di Motociclismo dal 1914 ad oggi!), fari d’ogni tipo e pezzi di ricambio di ogni marca ed epoca. Riviste, cataloghi e foto compongono una delle biblioteche di settore più complete a livello nazionale, che spesso giornalisti e scrittori consultano per le proprie ricerche.

«Ho scelto di raccogliere esemplari belli ma anche rari e tecnologicamente interessanti – racconta Battilani, che conserva una lunga serie di aneddoti con cui deliziare i visitatori –. Nella mia collezione vi sono pezzi rari ma anche pezzi unici. La maggior parte delle moto l’ho sistemata io una ad una, imparando da autodidatta nel tempo libero. Curo personalmente sia la meccanica, perché le voglio funzionanti, sia la carrozzeria, per la cui verniciatura preparo schemi minuziosi sulla colorazione precisa dell’epoca prima di andare da chi poi esegue il lavoro». I codici colore originali, ad esempio, li reperisce direttamente dagli archivi storici delle case madri degli esemplari da restaurare. Una curiosità aggiuntiva: Battilani è anche ed ancora oggi un motociclista stradale, come la moglie. «Per le passeggiate ho una Indian del ’46, una Ariel del ’52 ed una più comoda Honda Goldwing per i tragitti più lunghi».

La collezione, come detto privata, si trova in via Poiano 1/b ed è visitabile solo su prenotazione. Ma niente paura: Motosapiens organizza per il prossimo 17 giugno alle 17 una visita guidata gratuita e seguita da aperitivo per i propri lettori! Per partecipare basta prenotare il proprio posto all’indirizzo mail motosapiens@sabatosera.it entro il prossimo 15 giugno. Per vedere dal vivo un po’ di storia della motocicletta, unisciti a Motosapiens per una visita dedicata!!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.