4 dicembre 2016

Roma, strage di Orlando, dibattito al Gay Village su odio e violenza

La strage di Orlando con l’uccisione di oltre 50 persone in un luogo ideato e realizzato “per ballare e per vivere”, definito dal Presidente Obama uno spazio di solidarietà, necessita di un momento di grande confronto e riflessione. Per questo motivo, giovedi 16 giugno alle ore 21, presso l’Aula Hit del Gay Village College di Roma, l’Associazione Nazionale ANDDOS contro le Discriminazioni (180.000 associati in tutta Italia) propone il dibattito “Dopo Orlando: nuove sfide per il contrasto della violenza e dell’odio omo-transfobico”.

A seguito degli eventi, infatti, si è deciso di dedicare uno spazio già previsto per il  tema dei diritti umani ad una riflessione su come il discorso d’odio e la violenza debbano essere fronteggiati ormai a livello globale, in particolar modo in relazione al tema dell’identità sessuale.

E’ evidente che i proiettili di Orlando hanno colpito molto più in là delle 50 vittime e dei 53 feriti, in quanto si tratta probabilmente della più grande strage di persone omosessuali dopo il nazismo.  Una strage sulla quale, sicuramente, non si possono ignorare le responsabilità di chi ancora oggi fomenta l’omofobia e la transfobia per motivi di visibilità e consenso politico. Una strage che pone degli interrogativi molto profondi, dal tema delle armi negli Stati Uniti alle reazioni di alcuni media e personaggi italiani. Una strage che ripropone, in una chiave urgente e immediata il tema dei diritti umani come diritti universali della persona, legati al tempo stesso ad una precisa specificità dell’individuo, ovvero l’identità sessuale.

Introdurrà il dibattito Mario Marco Canale, presidente nazionale ANDDOS. Interverranno: Fabrizio Petri Presidente Globe MAE, Gianni Vattimo, il filosofo Gianni Vattimo, la giornalista Delia Vaccarello. A condurre l’evento, in veste di moderatore, sarà Rosario Coco, presidente del circolo Anddos-Gaynet Roma..

“Un confronto sul tema dei diritti delle persone LGBTQI e sulla loro attualità – precisa in una nota l’ufficio stampa del Gay Village Roma – quale nuova frontiera dei diritti universali. Si parlerà di prassi, linguaggi e tendenze culturali che presentano approcci e filosofie diverse. Il dibattito verterà infine sulla proposta di istituire anche in Italia, un organismo indipendente che possa effettivamente tutelare i cittadini e le cittadine dalle discriminazioni”.

Marco Tosarello