23 gennaio 2017

Marocchi: “L’importanza del motociclismo per il motociclismo”

Il motociclismo nasce dalla sana passione dei tanti che amano le due ruote: vederle, guidarle, piegarci. Ma la sopravvivenza di questo sport passa anche per la programmazione di eventi grandi e piccoli, in grado di coinvolgere diversi stili e generazioni, tutte le sfaccettature di un medesima passione.

Una figura che ad una prima vista “sa poco” di motociclismo ma che in verità aiuta proprio a far girare le cose alla sua base, è quella del marketing manager. Abbiamo intervistato, come esempio virtuoso di questo mestiere e della passione per le due ruote che anche qui esiste, Cristian Marocchi: imolese, figlio di un tecnico Benelli ed ex pilota, oggi Cristian impegna il suo tempo e la sua passione ad alimentare (letteralmente e per tanti aspetti!) il motociclismo.

L’esempio più virtuoso è l’iniziativa di portare gli alunni di una scuola elementare imolese in lezione esterna direttamente all’autodromo Enzo e Dino Ferrari per il weekend Superbike (iniziativa cui abbiamo collaborato con grande piacere prima e immensa soddisfazione dopo, e che abbiamo raccontato qui). Ed è proprio con i più piccoli che Cristian ha in mente i più grandi progetti: “Essere motociclista è un’identità e questa identità va mantenuta, divulgata. A questo scopo esistono i motoclub, che sono i centri di gravità del motociclismo e raccolgono appassionati da 99 a 0 anni, li aggregano, fanno cultura motociclistica. Il motociclismo è passione alimentata dal business, senza i motoclub non ci sarebbe la passione e senza passione addio posti di lavoro. Per preservare motociclismo e business, i motoclub vanno sostenuti ed  incentivati ad accogliere i bambini, per far conoscere loro le tante figure del motociclismo (piloti ma anche tecnici, manager, ecc..) ed insegnare il motociclismo stesso; la storia, la sicurezza, lo sport. Il mio progetto è una scuola moto accessibile a tutti con costi limitati per la fascia di età 6-12 anni, perché come c’è la scuola calcio per esempio, si possa scegliere anche una divertente scuola moto a cui integrare i progetti di educazione stradale (il motociclismo è uno sport di gruppo e con un rilevante sforzo fisico). In questo scenario le aziende sarebbero più interessate ad investire anche nel piccolo motociclismo, quello giovane, e far crescere piloti meritevoli e consapevoli di non dover subire la selezione dovuta al budget necessario per correre. E poi le gare cittadine, bene gli autodromi e gli spazi dedicati, ma il motociclismo deve essere anche dentro le città in sicurezza, per le strade, fra la gente”.

Oltre ai progetti di ampio respiro per rendere il motociclismo uno sport più grande (cosa che potrebbe giovare in futuro anche ai campionati top come Superbike e Motomondiale, in termini di indotto ma anche come numero di appassionati e campioni vestiti del tricolore italiano), Marocchi lavora tutti i giorni per i team Aprilia Racing impegnati nei campionati Superbike e Superstock. “Il compito del ramo d’azienda di Aprilia Racing è produrre e vendere tecnologia, ovvero motociclette, che poi i team portano in pista e promuovono nel mondo. Il DNA sportivo di Aprilia Racing è quello del racing puro, cioè dare la possibilità a tutti di competere ad altissimo livello e per questo è stato ideato un meccanismo virtuoso per ottenere più risultati e di conseguenza visibilità: proporre la moto, la Aprilia RSV4 RF campione Superstock 1000 nel 2015 con Lorenzo Savadori,  al prezzo contingentato di 25.900 euro assieme al materiale fornire assistenza e tutti i dati tecnici per permettere al team di ridurre al minimo l’ apprendistato, ed infine suggerire uno schema di marketing e organizzazione per rendere funzionale l’intero meccanismo, ovvero essere iscritti ad un campionato di alto livello, in possesso di un budget corretto, sponsor e con una logistica adeguata. Il più recente esempio è il team GP Project, impegnato nel campionato mondiale Superstock e nel CIV Superbike, nato in appena un mese ed ha già ha centrato i primi buoni risultati. A Noale, dove nasce l’ Aprilia, ci si occupa anche della gestione diretta dei piloti, della formazione degli ingegneri e dei tecnici dei team che utilizzano Aprilia. Un team deve riuscire ad essere indipendente ed autosostenersi; questa è la mia visione, il mio compito ed il mio obiettivo. Sport must go on! Per questo lavoriamo nella Superstock come in un laboratorio di virtuosità: tutto deve funzionare come in una formula chimica perfetta”.

Per arrivare a questo livello di consapevolezza e conoscenza, Cristian, trentasei anni, ha fatto tutto il percorso motociclistico: pilota nel CIV, team manager, manager di piloti ed ora consulente per i team. Del pilota pensa che “un ragazzo che va in moto ad oltre 300 km/h diventando parte integrante della ciclistica del mezzo che guida è una persona speciale, è una persona che sceglie una vita al limite, qualcosa oltre la passione ed oltre se stesso”. E proprio per il lungo percorso che ha fatto sulle moto e con le moto, sa che il pilota è la punta di diamante del motociclismo ma non è l’unico componente del sistema: moto, squadra e pilota devono essere un gruppo ben funzionante, perché il pilota per ottenere i migliori risultati ha bisogno dell’ aiuto di altri professionisti all’interno della propria squadra. “Il manager deve anche riuscire ad interpretare il pilota e dargli tutto il necessario per metterlo in condizione di rendere al massimo delle sue possibilità”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6445 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.