24 gennaio 2017

Strage Orlando, Grillini, Gaynet: “Ci sentiamo nel mirino, problema sicurezza anche in Italia”

Franco Grillini, Presidente di Gaynet, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla strage di Orlando. “La cosa che vorrei sottolineare –ha affermato Grillini- è che l’attentato è stato innanzitutto contro la comunità Lgbt, perché tutte le vittime sono omosessuali. Per dichiarazione dello stesso assassino la scelta del locale non è stata casuale. E’ stata colpita quasi l’unica comunità americana che dichiara apertamente di non volere le armi. La comunità Lgbt è senza armi da sempre. Quindi da un lato si colpisce una comunità inerme, dall’altro lato si colpiscono i diritti individuali della libertà. A parte gli apparati di sicurezza, nelle città dove c’è una concentrazione di omosessuali molto grande, il tasso di presenza di armi è infinitamente inferiore rispetto al resto degli Stati Uniti. C’è un maggior rispetto dell’altro che deriva dal rispetto storico per la diversità. Voglio sperare che l’episodio di Orlando sia unico nel suo genere. Anche se ci sono minacce sui siti jihadisti, che hanno esultato. Vedremo in futuro cosa succederà, certo che si pone il problema della sicurezza nelle comunità Lgbt. Ci sentiamo nel mirino, perché la cosa è stata rivendicata ufficialmente, quindi il fatto che esista un problema è del tutto evidente. In Italia si devono ancora svolgere 15 manifestazioni di gay pride, il tema della sicurezza diventa assai rilevante. La comunità Lgbt è nel mirino perché è il contrario di quello che predica Isis. Divieto donazione sangue per omosessuali? Questa è una battaglia che in Italia abbiamo vinto. Nel 2001 Veronesi cambiò il decreto. Negli Usa esiste ancora ed è una cosa folle. I toni pacati sono sempre auspicabili purchè non ci siano personaggi come Adinolfi, che addirittura ha fatto un partito omofobo, fortunatamente non votato da nessuno a Roma. Addirittura Adinolfi parlò di fucili per quanto riguarda la legge Cirinnà e bisogna stare attenti perché quando si usano parole forti, poi possono provocare degli effetti su qualche matto. I toni li devono abbassare gli omofobi, i clericali, coloro che si sono opposti alla legge sulle unioni civili con estremismo verbale, che è monodirezionale”.

Fonte: Radio Cusano Campus