5 dicembre 2016

Roma, Sabella: “Ho un approccio cattocomunista al lavoro. Giachetti mi ha offerto un ruolo tecnico”

Il magistrato Alfonso Sabella, ex assessore alla legalità del Comune di Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulla mafia a Roma. “Quello che ho trovato nella mia esperienza in Campidoglio è stato il frutto malato di anni e anni di una determinata di gestione che continua ad andare in un certo modo –ha affermato Sabella-. Me ne sono andato con la certezza che la mafia nel Comune di Roma non c’è più grazie alla Procura, ma anche con la certezza che la corruzione c’è ancora. Per fortuna, essendo arrivato alla Procura di Palermo dopo il lavoro di Falcone e Borsellino, a Roma invece era un anno zero, con una sorta di convinzione che le cose ormai andava in quel modo e non si poteva fare nulla. Io invece ho deciso di rivoluzionare il sistema degli appalti. Con Alemanno sono arrivati Buzzi e Carminati, oltre ai gruppi militari organizzati legati all’estremismo di destra. Ma sempre c’è stato un gruppo di interessi che ha trovato persone che lo tutelavano all’interno della macchina amministrativa. Questa cosa c’è, ci sarà, ma non credo per sempre. Infatti per il mio libro “Capitale infetta” mi sono scontrato con il mio editore per il sottotitolo “Si può liberare Roma da mafie e corruzione?”, lui ha voluto mettere il punto interrogativo, mentre io volevo il punto esclamativo. Buttare solo la colpa su chi amministra è sicuramente un’operazione sbagliata. Da parte dei cittadini una maggiore partecipazione alla vita pubblica avrebbe dato un contributo importante. Una delle cose che avevo proposto, ma non ho avuto il tempo di fare, era di dotare Roma di un meccanismo che permettesse ai cittadini di partecipare attivamente alla gestione della cosa pubblica. Un regolamento di partecipazione civica a Roma servirebbe come il pane. C’è un male molto molto romano che è quello di pensare che ciò che è di tutti in realtà è di nessuno. Io ho un approccio cattocomunista per quanto riguarda il mio lavoro, lo vedo come un servizio che si deve fare per il bene dei cittadini”. 

Sulle polemiche per il ruolo offertogli da Giachetti nella sua eventuale futura giunta. “Mi infastidisce –ha affermato Sabella- che quando io ho assunto un ruolo formalmente politico, quello di assessore, nessuno ha detto gran che sul fatto che io da magistrato andassi a svolgere un ruolo politico. Oggi che Giachetti mi offre un ruolo prevalentemente tecnico, ci sono delle critiche perché io farei politica. Io ho accettato questo incarico perché Giachetti mi ha detto chiaro e tondo che sulla legalità voleva continuare sulla linea dell’amministrazione Marino. Non è un caso che al bilancio vorrebbe mettere Silvia Scozzese. La realtà è che se Giachetti dovesse vincere, due tecnici della giunta Marino continueranno a fare il loro lavoro nella stessa direzione”.

Fonte: Radio Cusano Campus