8 dicembre 2016

Ostia, Processo Fasciani, il legale: “Dalla sentenza dobbiamo trarre il lato positivo: ad Ostia la mafia non esiste”

Si è concluso il processo d’Appello a carico di Carmine Fasciani e altre 17 persone, originariamente accusate di aver controllato per anni la criminalità organizzata ad Ostia. E’ caduto il reato di associazione mafiosa. Ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus (emittente dell’Università Niccolò Cusano), è intervenuto l’Avv. Cristiano Sabba, legale di Ennio Ciolli (titolare del ristorante Al contadino non far sapere, assolto dall’accusa di interposizione fittizia con l’aggravante del metodo mafioso). E’ crollata miseramente l’ipotesi di associazione mafiosa del litorale –ha affermato Sabba-. Ad oggi è fuori discussione che sul litorale non c’è mafia. Da questa sentenza dobbiamo trarre un dato positivo. Il problema è che si è data l’etichetta di mafiosità al litorale prima di avere una sentenza. Secondo la sentenza, i condannati fanno parte di un gruppo criminale, organizzato, ma privo dei requisiti di mafiosità. Certamente su questa sentenza qualcuno dovrà fare delle riflessioni. Non possiamo negare che ai cittadini del X Municipio è stato impedito di andare a votare nelle recenti elezioni dopo lo scioglimento del municipio per mafia. Questa sentenza deve far piacere ai residenti di Ostia. Quest’inchiesta ha riguardato un fenomeno che nasce da un indagine sul litorale e sviluppa l’attività investigativa all’interno del X Municipio, mentre Mafia Capitale interessa la parte legata al Comune e alle cooperative”.

Fonte: Radio Cusano Campus