5 dicembre 2016

In Friuli Venezia Giulia se sei sindacalista ti licenziano

A Cormons, in provincia di Gorizia, un’azienda in buona salute decide di esternalizzare l’attività della manutenzione di cui si occupano solo due degli 80 dipendenti. Uno dei due, Franco Trusgnach, è a capo dell’RSU della FIOM, dipendente sicuramente “sovraesposto” e probabilmente “fastidioso”. Entrambi sono stati licenziati in tronco. Non servono più, quindi si può fare. E’ un fatto di enorme gravità, che sta accadendo ovunque.

Le leggi dei governi Monti e Renzi hanno già dimostrato di non essere in grado di far ripartire l’economia licenziando e lasciando le persone senza lavoro e stipendio; non c’è dubbio invece che sono pienamente efficaci per colpire i corpi intermedi, rendere la vita impossibile ai dipendenti “problematici” e metterli fuori gioco. Situazioni vergognose, se ne rendono conto gli stessi esponenti dei partiti che hanno voluto e votato le norme su cui si fonda lo scempio del mondo del lavoro italiano. Tuttavia stupisce che la prima figura istituzionale che si è attivata con una interrogazione sia il consigliere regionale Ziberna di Forza Italia, che chiede alla Regione FVG di intervenire contro l’ingiustizia di un duplice licenziamento: il suo stesso partito ha cercato con tutte le sue forze di cancellare l’art. 18 ed ha votato la legge Fornero. Un plauso se questa azione è stata fatta in disaccordo dal suo gruppo altrimenti rischia di essere letta come pretestuosa e promossa solo perché all’opposizione.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.