7 dicembre 2016

Comunicazione e politica, stravincono Raggi e M5s

Vincono le campagne elettorali di Virginia Raggi e del M5S, quella di Roberto Giachetti insegue. La sfida della Capitale si ripropone anche nella comunicazione. Apprezzate anche le campagne di Piero Fassino e Virginio Merola. L’ottimo risultato elettorale ottenuto al primo turno delle elezioni amministrative del 5 giugno 2016 dal Movimento Cinquestelle trova conferma nella votazione delle migliori campagne elettorali realizzata da Il Galà della Politica 2016.

 

E’ questo uno dei principali risultati del Galà della Politica 2016 promosso dall’Archivio degli Spot Politici dell’Università degli Studi Roma Tre. La campagna elettorale di Virginia Raggi per la Giuria Tecnica e la campagna di Chiara Appendino per la Giuria Popolare, risultano fra le più apprezzate, posizionandosi ai primi posti in molte delle 6 categorie in concorso.

Si tratta di un dato che assume un particolare significato alla luce della scelta del M5S di realizzare campagne elettorali “low budget”, nelle quali è stato fatto un uso limitato delle affissioni a pagamento – al punto da non produrre Affissioni Tematiche – puntando molto sulle campagne social e sui video online. Mentre il voto della Giuria Tecnica si è attenuto a criteri professionali e di forma, il voto della Giuria Popolare, aperto a tutti, è stato guidato anche da simpatie e appartenenze politiche. Sui social di alcune organizzazioni e candidati politici (vedi il M5S di Torino) sono apparsi inviti a votare al Galà della Politica per sostenere il proprio candidato. Si tratta di una modalità di “partecipazione militante” in rete nota è già emersa in molte occasioni – ad esempio nei giudizi sui partecipanti ai dibattiti fra candidati delle diverse città organizzati da Sky – che conferma la capacità del M5S di mobilitarsi e presidiare la rete più di altri soggetti politici.

Non si tratta di campagne ricche e particolarmente articolate – quali ad esempio le campagne di Alfio Marchini e Giorgia Meloni a Roma o di Virginio Merola a Bologna – ma apprezzate per aver saputo tradurre e sottolineare nei contenuti e nelle forme della comunicazione quella diversità e originalità rispetto agli altri candidati e partiti politici che rappresentano uno dei punti caratterizzanti il messaggio del M5S. In particolare nella campagna di Virginia Raggi – più articolata di quella di Chiara Appendino – il tono e le forme della comunicazione si sposano con la proposta politica, risultando nel complesso particolarmente coerente. Centrate sulle due candidate poco conosciute alla maggior parte degli elettori le Affissioni Istituzionali (Prima Raggi e seconda Appendino a pari merito con Giachetti), con Slogan semplici, giocati sui nomi delle due candidate “CoRAGGIo” e “L’Alternativa é Chiara” che si posiziona al primo posto a parimerito con Giachetti. Graficamente efficace e focalizzata su temi precisi e distintivi – no alle Olimpiadi e contro la corruzione – la Campagna Social di Virginia Raggi che risulta la più apprezzata. Freschi e spiritosi gli Spot/Video della campagna di Virginia Raggi (prima anche in questa categoria) circolati in rete, caratterizzati da tratti amatoriali e basso livello professionale che accentuano il tono di spontaneità e semplicità che rappresenta un aspetto della comunicazione del Movimento. Roberto Giachetti Sempre in riferimento ai giudizi espressi dalla Giuria Tecnica, apprezzata la campagna di Roberto Giachetti, che si posiziona prima nella categoria Slogan “Roma Torna Roma” – a parimerito con Appendino – e al secondo posto nelle categorie Affissione Istituzionale – di nuovo a parimerito con Appendino – e Simbolo.

Due secondi posti per la campagna di Piero Fassino nella categorie Affissione Tematica e Campagna Social. Beppe Sala Della campagna del candidato del centrosinistra a Milano viene apprezzato in particolare il simbolo prescelto che richiama nei colori e nella grafica il logo dell’Expo differenziandosi dai tradizionali simboli politici e di partito. Un bel mix fra originalità e riferimenti alla storia del candidato. La campagna del sindaco uscente di Bologna, come già sottolineato particolarmente ampia e articolata, risulta la più apprezzata nella categoria Affissione Tematica. La campagna del candidato del centrodestra a Milano si posiziona al secondo posto nella categoria Spot/Video con una produzione numericamente ampia e seriale, articolata su precise issues tematica, secondo un modello tradizionale delle campagne video, tecnicamente e professionalmente di buon livello. Le immagini delle campagne vincenti nelle differenti categorie sono disponibili su il sito de Il Galà della Politica all’indirizzo: www.ilgaladellapolitica.it. La giuria tecnica è composta da esponenti e rappresentanti di Centri di ricerca universitari sulla comunicazione politica, di Associazioni professionali della pubblicità e dell’informazione. Invece la giuria popolare è composta dagli utenti della rete, per la prima volta chiamati a partecipare al Galà.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.