9 dicembre 2016

Strage di Orlando, Giovanardi: “C’è un fondamentalismo islamico ma c’è anche un fondamentalismo omosessuale”

Carlo Giovanardi, Senatore di Idea, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Deve essere unanime la condanna per questo terribile attentato –ha affermato Giovanardi– Provo però un senso di pena per le strumentalizzazioni che sto sentendo in queste ore. Qualcuno mi dovrebbe spiegare cosa c’entra la strage di Orlando con l’Italia, dove per fortuna atti d’intolleranza nei confronti degli omosessuali sono rarissimi. Questa speculazione non l’accetto. Scalfarotto rilancia la legge contro l’omofobia. Non vedo cosa c’entri con questa vicenda. Quando lui è andato in Iran a rappresentare il governo italiano, si è messo a sedere con l’Ayatollah e ha parlato bene di un Paese dove gli omosessuali li impiccano. Bisogna che ci capiamo. Se diciamo che siamo tutti impegnati affinchè vengano rispettati i diritti umani dappertutto, siamo d’accordo, se invece questo viene usato per permettere a Nichi Vendola di riconoscere il figlio che si è comprato all’estero, allora no. Il commissario di Forza Italia Alessandro Santini ha avuto il coraggio di fare outing, sfidando i fondamentalisti Lgbt, dicendo che pur essendo gay non è d’accordo coi matrimoni omosessuali e con le adozioni. Il tema dell’omofobia in Italia è enfatizzato in maniera incredibile per arrivare ad impedire la libertà di opinione. Se passasse la legge Scalfarotto, chi come me è contrario ai matrimoni gay e alle adozioni e verrebbe subito denunciato. Si può essere omosessuali senza andare al gay pride, senza ostentare, senza insultare il Papa? Se nel mondo gay qualcuno si dissocia da questo fondamentalismo, immediatamente viene attaccato. Come nell’Islam, ci sono posizioni tolleranti e posizioni fondamentaliste, anche nel mondo omosessuale c’è una posizione fondamentalista. Non sono d’accordo che nelle scuole ai bambini gli si vada a raccontare la teoria del gender, non sono d’accordo che Vendola vada all’estero a comprare un bambino con la pratica dell’utero in affitto e poi pretende di tornare in Italia e farselo riconoscere. Andarsi a comprare un bambino è amore? Posso dire che quelle di Mario Mieli erano perversioni? C’entra qualcosa con l’amore la pedofilia? Secondo una parte del mondo gay sì, visto che intitola i circoli a questi personaggi”.

Fonte: Radio Cusano Campus