10 dicembre 2016

Roma, Atac, Quintavalle: “Querelo Giachetti, vergognoso che ci accusa di scioperare per la partita dell’Italia”

Micaela Quintavalle, Segretario nazionale del sindacato CambiaMenti, è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ) , nel corso di ECG Regione, format condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

In merito alle accuse di Roberto Giachetti e del parlamentare del Pd Miccoli nei suoi confronti. “Mamma mia che potere che ha sta Quintavalle! –ha ironizzato la sindacalista-. Ci tengo a dire che tutte le carte sono in mano agli avvocati, quindi ci penseranno loro. Vedremo se ci saranno gli estremi per querelare Giachetti e Miccoli. Poi c’è l’immunità parlamentare, quindi staremo a vedere. Mi dispiace che un onorevole del pd e un candidato sindaco arrivino a strumentalizzare i lavoratori per ottenere voti. Se fosse stato uno sciopero selvaggio sarebbe intervenuta l’autorità di garanzia e saremmo stati sanzionati. Abbiamo sempre agito nel rispetto della legalità. Vogliono infangare il M5S che con CambiaMenti non c’entra niente. Noi parliamo con tutti, abbiamo chiesto di parlare con tutti, negli anni scorsi Marino non ci ha mai ricevuto, sicuramente con il M5S c’è una dialettica in corso. Io sono schierata col M5S, ma non c’entro niente col M5S. Ci sono degli iscritti al mio sindacato che non voteranno la Raggi, che sono del Pd o di Fratelli d’Italia. Noi abbiamo scioperato perché veniamo aggrediti di frequente, sicurezza zero, mezzi fatiscenti, condizioni di lavoro impressionanti. Ci muoviamo per la sicurezza dei cittadini. E’ molto triste che queste cose non vengano dette”.

Confronto con Giachetti? “Dato il pressapochismo che ho visto in tv nel confronto con la Raggi, mi fa pensare che non sia in grado di sostenere una dialettica con la sottoscritta” ha affermato Quintavalle.

In merito allo sciopero di oggi dell’Ugl dalle 20.30 alle 24. “Ho sentito dire che gli autisti Atac sono dei lavativi perché scioperano per vedere la partita dell’Italia –ha affermato Quintavalle-. La verità è che siamo in pieno Giubileo. Pur rispettando le franchigie giubilari e le normative vigenti, decidono loro quando farci scioperare. L’Ugl ha fatto varie richieste e gli è stato accordato questa sera. La partita non c’entra nulla. Se tu fai l’ultima partenza alle 20.30 significa che prima delle 22 non stai a casa quindi la partita non la vedi comunque. Ci hanno annientato ogni diritto ed ora ci accusano di scioperare per la partita. E’ vergognoso. Così come è vergognoso che i politici mi attacchino dicendo che sono una cattiva lavoratrice. La stampa è veramente poco veritiera quando si tratta di parlare di noi”.

La polemica sugli autisti nei seggi elettorali. “E’ un diritto, la legge lo permette –ha spiegato Quintavalle-. Io non sono andata per non sottrarre forza produttiva al servizio. Io piuttosto proporrei di cambiare la legge, ma finchè ce lo permettono, chi sceglie di farlo si muove nel rispetto delle regole”.

Fonte: Radio Cusano Campus