10 dicembre 2016

Ostia, Hortus Temporum: partenza esplosiva per la bottega dei produttori a Km 0 all’Exdepò

Salite le scale dell’Exdepò notiamo subito un’atmosfera contadina davanti a noi con balle di fieno, spighe e fiori di campo. Per terra tante foglie colorate che ci indicano il percorso da fare, un richiamo al “Mago di Oz” e Judi Garland con  Follow the yellow brick road? Forse si, forse no, ma non importa ci piace lo stesso e così facciamo, seguiamo le foglie colorate e arriviamo davanti ad un tavolo con pane, olio e crostate offerte dai cinque produttori che hanno aperto la bottega a chilometro zero Hortus Temporum. sulle vetrine una decalcomania che rappresenta un albero con una chioma che rappresenta un cervello, un insieme di dettagli che rappresentano il legame uomo natura che sfocia nelle radici, simbolo di nutrimento, che sottolinea l’attività che si svolge all’interno della bottega legata alla mission del centro polifunzionale Exdepò, cibo, arte e cultura.

Una bottega che è nata grazie agli sforzi della direttrice marketing Tiziana Bernardini che ha saputo nel corso dei mesi selezionare il meglio dei produttori del Lazio con prodotti genuini, senza pesticidi, coltivati con i vecchi metodi proprio per riscoprire i sapori di un tempo.

IMG_9166_risultatoIMG_9166.CR2Impossibile non notare i banchi pieni di verdure e frutta delle aziende di Renato Prudenzi e Bruno Gobbi, il primo da Testa di Lepre e il secondo da Montelibretti, che portano sui loro banchi le primizie di stagione colte dalla terra e dagli alberi per proporli direttamente ai clienti, un exploit di colori e profumi che solo un prodotto di primo livello può regalare per poi girarti e trovare i derivati del latte e della produzione di carne con il caseificio di  Giuseppe Riti e l’azienda agricola di Massimo Nesta che ti avvolgono portandoti in un paradiso fatto di ricotte, formaggi, pecorini stagionati, porchette, prosciutti e carni selezionate ed infine cadere nell’immensa vastità della cottura al forno a legna de Le Faeta con i loro pani prodotti utilizzando grano e farine dei loro campi, dolci, crostate, pizze e tutto quello che la fantasia di un goloso può tirare fuori.

La cosa che ci ha stupito? Senza dubbio la stagionalità, non c’erano sui banchi frutta e verdura che non fa parte di questo ciclo produttivo, non abbiamo trovato cocomeri che in molti spacciano per locali ma che in realtà vengono da chissà quale nazione, non abbiamo visto frutta bella, liscia, lucida e coloratissima ma frutta vera quella che ogni tanto ha una macchietta ma che è segno di genuinità, quella senza additivi, quella che fa bene!

Vedere tantissime persone comprare li è un segnale forte, un segnale importante che sottolinea non solo la voglia delle persone di mangiare bene ma anche quella di mandare avanti un’economia tutta nostra, tutta italiana e, in questo caso, tutta regionale che ha fatto la storia del nostro paese, perchè lo sappiamo tutti l’Italia è un popolo di santi, poeti e navigatori… ma aggiungerei amanti del buon cibo e dei prodotti buoni.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.