3 dicembre 2016

“La mejo gioventù & Co.” le parole di Viviana Toniolo, direttore artistico del Teatro Vittoria

 

L’Ottava  Edizione della Rassegna “SALVIAMO I TALENTI – Premio Attilio Corsini”, e la messa in scena dello spettacolo vincitore nel 2016 prodotto dalla compagnia Attori & Tecnici, hanno concluso la stagione, sottolineando la necessità di promuovere progetti teatrali i cui protagonisti siano giovani registi e giovani attori. 

La rassegna è nata per promuovere progetti teatrali di grande qualità i cui protagonisti siano giovani registi e giovani attori.  Ho sempre scelto i quattro spettacoli in competizione, nel panorama delle cosiddette “cantine”, o come vengono definiti all’estero “teatri off”. Spazi che dovrebbero costituire un imprescindibile bacino di nuove risorse e nuovi talenti, da proporre sui palcoscenici maggiori. I quattro spettacoli vengono rappresentati sul palcoscenico del Vittoria per due giorni ciascuno e giudicati da due giurie: una composta dal pubblico, a cui è demandato l’importantissimo compito di scegliere il Teatro di domani e la seconda da addetti ai lavori: produttori, registi, direttori di doppiaggio e direttori di teatro. Scopo della manifestazione è aumentare le opportunità di stimolo per la creatività giovanile ed emergente e dare più visibilità, costruendo una vetrina per i nuovi talenti ancora sconosciuti. Anche per questa ottava edizione, chiuso il sipario dopo l’ultima replica in programma, gli spettatori numerosi ed attenti hanno atteso lo spoglio delle schede…e finalmente il risultato finale! Lo spettacolo ELETTRA di Hugo von Hofmannsthal, per la regia di Giuliano Scarpinato, si è aggiudicato il premio ATTILIO CORSINI 2016. La sala gremita ha applaudito ed accompagnato con ovazioni e grande entusiasmo la commozione dei vincitori ed apprezzato l’encomiabile atteggiamento degli esclusi, che con generosità e signorilità hanno festeggiato i loro colleghi. Vorrei sottolineare che le pièces in concorso hanno mostrato notevole spessore, e tutti i giovani artisti grande professionalità, meritevoli di lode e considerazione. Oggi, un importante regista che ha fatto parte della giuria di esperti, mi ha chiesto il contatto di due fra gli attori partecipanti, che convocherà ai provini per un ruolo nel suo prossimo film. E’ stata una ulteriore prova che avvalora l’intento della nostra iniziativa: dare visibilità e risalto a tutti i partecipanti alla rassegna, affinché  abbiano l’opportunità di essere notati da personalità che possano dar loro una scrittura, in un periodo così difficile per trovare occupazione nel settore dello spettacolo. 

Parliamo dello spettacolo vincitore scelto tra quattro spettacoli. 

Ed ora desidero soffermarmi sul vincitore: Elettra. Il testo è di Hugo von Hofmannsthal scritto nel 1901 per Eleonora Duse, ma allora non fu rappresentato. I giovani artisti che lo hanno messo in scena e che hanno vinto la rassegna 2016 hanno realizzato uno spettacolo di gran pregio, sia per l’ottima regia di Giuliano Scarpinato e per la bravura di tutti gli attori: Elena Aimone, Anna Charlotte Barbera, Elio D’Alessandro,  Raffaele Musella, Giulia Rupi, Giuliano Scarpinato, Eleonora Tata, Francesca Turrini, Valentina Virando.

Una menzione speciale, oltre al dotatissimo regista, va alle interpreti principali: Elena Aimone – Clitennestra e Giulia Rupi – Elettra, due attrici di notevole talento, di grande sensibilità e preparazione tecnica. Non posso non citare le giuste e delicate musiche di Elio D’Alessandro e la scenografia di Marco Borgogni, che all’apertura del sipario merita un applauso. Pochi elementi: un lungo tavolo, due sedie eleganti, qualche oggetto raffinato e leggeri drappi bianchi. L’effetto è un ambiente ricco ed importante. Tutto disposto con un tale buon gusto, da conferire un tono di bellezza ed eleganza, arricchendo di un altro merito lo spettacolo. Fa piacere constatare che dei giovani, con il loro talento, riescano a creare uno spettacolo suggestivo, pur non disponendo di grandi mezzi!!!

Il programma della stagione 2016 2017 :grande spazio alla comicità ma non solo.

La prossima stagione del Teatro Vittoria comporterà un impegno importante. E’ ricca e variegata, studiata proprio per combinare il repertorio della prosa con incursioni teatrali di personaggi della scena culturale italiana, con la musica, con la letteratura e con spettacoli adatti a sollecitare lo stupore e la fantasia. Tutto dettato dalla volontà di sperimentare nuovi percorsi, nuovi linguaggi e stili diversi per un’unica idea di Teatro, in grado di appassionare il pubblico affezionato e di attrarne di nuovo, capace di tessere relazioni tra le persone avvicinando le generazioni e con un occhio attento alla formazione dei più giovani e anche alla accessibilità economica. Vogliamo rinnovare il nostro impegno a rendere il Vittoria una “piazza”, un luogo aperto ed accessibile alla città, vissuto da un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo.  In cartellone ventisei titoli, quindici spettacoli in abbonamento e undici fuori abbonamento. Inoltre importanti appuntamenti che ampliano l’orizzonte della nostra proposta artistica: dalla rassegna “Ma che musica al Vittoria!”, prima edizione di un evento speciale a cadenza bimestrale in cui la musica classica, jazz e pop si mescolano e si rincorrono, organizzata da DayBreakMusic, ai frequentatissimi Tè letterari del venerdi, curati dal Professor Marcello Teodonio, giunti alla ventesima edizione. Il sipario si aprirà il 29 settembre con “Il dolore pazzo dell’amore”, dove la narrazione di Pietrangelo Buttafuoco si fonde e si alterna alle ballate di Mario Incudine, intrecciando una tessitura di note e parole che vanno dalla voce lontana dei carrettieri siciliani fino ad arrivare alla Sicilia di oggi.

Saluteremo l’autunno con Attori&Tecnici in “Trappola per topi”, una puntata della nostra trilogia di Agatha Christie. Due sono gli spettacoli di alta qualità artistica scelti per dare visibilità a compagnie composte da attori giovanissimi: a novembre “Mar del Plata”, un appassionante testo teatrale di Claudio Fava, la storia vera della squadra La Plata Rugby nell’Argentina della dittatura dei militari negli anni ’70 e a maggio, l’“Odissea” di Omero, archetipo di ogni viaggio, per riscoprire la contemporaneità del mito di Ulisse secondo la versione di Khora.teatro. Desidero che il teatro Vittoria sia aperto sempre, anche alle “incursioni affascinanti” dei nostri intellettuali. In novembre l’atteso ritorno di Alessandro BergonzoniNessi”, seguito da “Angelicamente Anarchici”, spettacolo nel quale Michele Riondino dà voce alle parole di Don Andrea Gallo, con le quali racconta il suo quinto Vangelo: quello secondo Fabrizio De Andrè. La compagnia Attori & Tecnici non mancherà al consueto e richiestissimo appuntamento con “Rumori Fuori Scena” e rallegrerà le festività natalizie con lo humor anglosassone della commedia “Weekend comedy”. Seguirà il debutto della nostra nuova produzione “Terapia di gruppo”, che descrive un confronto bizzarro di due persone alla ricerca di conforto dai rispettivi analisti, ancor più confusi dei loro pazienti! La regia è firmata da Stefano Messina.

In programma, interpretazioni femminili importanti: Sabina Guzzanti, in “Come ne venimmo fuori”, un monologo satirico esilarante, essenziale ed incisivo, nato da approfondite ricerche sul sistema economico post-capitalista e “Due donne che ballano” con Maria Paiato e Arianna Scommegna, due autentiche stelle della scena italiana, per la prima volta insieme, dirette da Veronica Cruciani.

Numerosi i debutti romani, in febbraio: “Moliere: la recita di Versailles” con il capocomico per eccellenza, Paolo Rossi nella riscrittura dell’Improvvisazione di Versailles, testo di Molière del 1663. “Eccehomo” di Corrado Augias, una indagine profonda sulle ultime ore di vita di Gesù. Andrea Scanzi in “Fuochi sulla collina”, uno speciale tributo al noto cantautore Ivan Graziani concepito ed interpretato dal figlio Filippo Graziani ed il ritorno del nostro amato Simone Cristicchi con il nuovo spettacolo “Il secondo figlio di Dio”,  ispirato alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il Cristo dell’Amiata, per la regia di Antonio Calenda.

Con “Matti da slegare” spazio al divertimento ed all’ironia del formidabile terzetto formato da Giobbe Covatta, Enzo Iacchetti e Gioele Dix in veste di regista. Aspettiamo con grande curiosità “Quante Storie!” con Vauro Senesi e Barbara Alberti, che ripercorreranno tutte le storie che hanno vissuto trasformate in un unico grande racconto, attraverso le parole scritte o dette a voce, con segni e disegni, immagini ferme o in movimento.

Non mancherà un classico in grado di far riflettere sul presente: la “Mandragola”, tragicomica storia di un paese di furbi diretta ed interpretata da Jurij Ferrini.  In maggio, spettacoli sensazionali adatti a meravigliare il pubblico di tutte le età: torneranno “Gang of Magic”, uno show tutto nuovo ed ancora più stupefacente che farà vivere al pubblico l’emozione indimenticabile della magia dal vivo e “BuBBles” un viaggio emozionante nel magico mondo delle bolle di sapone di Marco Zoppi. Inoltre “Saxophonissimo!”, una frizzante miscela di ottimo cabaret, ritmi coinvolgenti e sensazionali performaces, dei quattro sassofonisti del gruppo francese Les Désaxés.

Serate a sorpresa con grandi nomi tra i quali i Dik Dik e Mogol.

Queste serate a sorpresa sono due eventi speciali che possiamo definire una vera e propria retrospettiva dedicata al grande Lucio Battisti,  protagonista delle note che hanno accompagnato una intera generazione: una prima serata vedrà in scena Mogol, che ripercorre attraverso testi e racconti originali il suo lungo e fortunato sodalizio artistico con Battisti e nella seconda serata il concerto dei Dik Dik, band che ha accompagnato a più riprese il grande cantautore italiano e per la quale l’ artista ha scritto numerosi e significativi brani. Due importanti appuntamenti che andranno a precedere lo spettacolo “Eppur mi son scordato di Me”, un monologo divertente, originale e commovente. Scritto da Gianni Clementi per Paolo Triestino, racconta la storia di un uomo degli anni ’70, che in un incidente di moto perde la memoria. Piano, piano i suoi ricordi riaffiorano e la musica di Lucio Battisti scandisce i momenti ritrovati della sua vita. Battisti è stato la colonna sonora delle vite di tanti giovani, e continua ad esserlo per molti ragazzi di oggi. L’idea della retrospettiva l’ho avuta uscendo dal teatro dove avevo visto per la prima volta questo spettacolo. Ho subito immaginato un appuntamento speciale, ne ho parlato con il mio caro amico e grande uomo di teatro, Renato Reichlin, che ha posto le basi per realizzarlo, invitando il grande Mogol e lo storico gruppo dei Dik Dik ad esibirsi sul palcoscenico del Teatro Vittoria.

Non solo teatro anche Marco Travaglio.

L’ atteso ritorno di “Slurp”, spettacolo fantastico che l’anno scorso fece il tutto esaurito, sarà in scena per una intera settimana, in abbonamento, affinché tutto il nostro pubblico possa apprezzarne il contenuto, senza dubbio intelligente ed interessante. Marco Travaglio ha una dote d’attore comico, come piace a me! Serio, senza smorfie e dotato dei tempi comici in grado di far ridere e riflettere, al tempo stesso. Carismatico interprete in scena, oltre ad essere un grande giornalista.

La compagnia attori e tecnici quando è nata ?

L’incontro con Attilio Corsini, l’occasione fu uno spettacolo estivo, ha dato il via al nostro sodalizio artistico, insieme al nostro grande importante rapporto nella vita. Siamo stati uniti dalla passione per idee ed azioni innovative, alla ricerca di testi mai rappresentati. Nel 1977, abbiamo creato la compagnia “Attori e Tecnici”, che ebbe da subito molto successo, con spettacoli che hanno avuto avuto molto successo sia di pubblico che di critica. Le nostre tournée duravano anche dieci mesi l’anno. Erano altri tempi!

Amarcord: Cosa era il Teatro Vittoria pima di essere il Teatro Vittoria

Esattamente trent’anni fa, nel 1996, percependo che il mercato delle tournée cominciava a declinare. Attilio  ebbe la grande intuizione, quella di cercare una “casa”. Trovammo nel quartiere del Testaccio un cinema in disuso, il cinema Vittorio e lo ristrutturammo, indebitandoci con le banche… ho persino ipotecato la mia casa! Il 6 dicembre 1986 aprimmo per la prima volta le porte del Teatro Vittoria.

“Rumori fuori scena” di Michael Fray, grandissimo successo. Oggi viene ripreso e va in scena.

Rumori Fuori Scena è un’opera meravigliosa, che andammo a vedere a Londra. Scegliemmo di rappresentare un autore ed un titolo poco conosciuti in Italia. Debuttammo a Pistoia, poi nello storico Teatro Flaiano. Immediatamente riscontrammo grande successo. I teatri gremiti e le pagine della critica teatrale in fermento. E’ uno spettacolo difficile, diretto da Attilio in modo strepitoso. Il successo continua ad averlo anche oggi, dopo 33 anni di repliche. Abbiamo scelto di mantenere la regia originale di Attilio Corsini, anche le scenografie ed i costumi.  Oggi, della compagnia che debuttò nel dicembre ‘83, siamo rimaste solo Annalisa di Nola ed io.

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 59 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.