5 dicembre 2016

Roma Pride, il carro dell’ANDDOS per la prevenzione contro le infezioni

 

Roma Pride 2016: il carro allestito dall’ANDDOS per la prevenzione contro le infezioni: l’Associazione Nazionale Contro le Discriminazioni (attualmente 179.930 iscritti) sfilerà sabato 11 giugno per le vie della capitale sul tema dell’educazione e dell’informazione contro le infezioni sessualmente trasmissibili.

Proprio lunedì scorso in via San Giovanni in Laterano, nel cuore della gay street romana, si è svolto  il dibattito sulla prevenzione che ha coinvolto i rappresentanti di Anddos, Anlaids e Mario Mieli. Il dato principale che è emerso, oltre alle già note barriere nell’accesso alle strutture sanitarie, è una forte assenza di informazione in materia di IST, test e prevenzione, specie nelle fasce giovanili della popolazione. A questo proposito, come annunciato durante la serata da Stefano D’Agnese, resp. Salute Anddos, è stato reso noto il dettagliato report del dott. Claudio Consoli, medico sociale dei circoli a Roma, relativo agli ultimi tre anni di attività di volontariato nelle strutture dell’associazione. Molti dati sono stati confermati anche dal rappresentante di Anlaids, Rosario Galipò, in riferimento alla fascia giovanile della popolazione dai 14-19. Tra questi, il fatto che solo il 36% delle persone che hanno chiesto aiuto al medico sociale Anddos usa sempre il preservativo, oppure il fatto che oltre il 60% non aveva sufficienti conoscenze sulle IST. Sul tema della prevenzione e dell’informazione sul test e le strutture sanitarie,  Anddos ha già da tempo intrapreso una collaborazione con il telefono verde AIDS e IST 800.861.861 dell’Istituto Superiore di Sanità per chi vuole sapere dove fare il test HIV e per ricevere tutte le informazioni sulla prevenzione.

“Un altro tema proposto sul nostro carro di quest’anno sarà, oltre a quello della salute, anche quello dei mestieri  – spiega l’attivista ed organizzatore Rosario Coco – contro i più radicati luoghi comuni perché la varietà delle persone LGBTI è rappresentata in ogni settore lavorativo della società. Per il terzo anno Anddos sarà presente con un proprio carro al Roma Pride, un evento di grande importanza nella storia della capitale per rivendicare l’uguaglianza dei diritti e ribadire la nostra lotta quotidiana contro le discriminazioni da orientamento sessuale”.

Venerdì si è svolta l’inaugurazione ufficiale della nuova sede nazionale in via Flavia 47: presenti i vertici dell’associazione che hanno aperto al pubblico e alla stampa le proprie porte, illustrando i programmi e gli obiettivi del movimento, destinato a crescere numericamente ancora di più in termini di associati e a rappresentare un punto di riferimento per tutta la comunità non solo LGBTI.

“Potenzieremo l’azione di sostegno ai nostri circoli, oltre ad investire nei Centri Ascolto e Antiviolenza, nel numero verde 800. 864.630 disponibile anche via whatsapp e nel portale di supporto online One Question – ha annunciato il presidente nazionale Mario Marco Canale – Anddos si prepara quindi alle grandi sfide culturali del prossimo futuro: educazione alle differenze, inclusione sociale ed integrazione, perché la diversità non sia considerata una minaccia, ma un arricchimento ed un valore aggiunto nella società”.

Un Paese civile non può essere ostaggio di pregiudizi, intolleranze, ideologie e fondamentalismi – ha precisato l’avvocato Antonio Bubici –  dobbiamo tutti muoverci verso una società inclusiva”. Senza discriminazioni.

Marco Tosarello