4 dicembre 2016

Luis Vuitton & Parfum

La celebre maison francese, Louis Vuitton, nata con la valigeria nel 1854, apre le sue porte al mondo dei profumi. Questo percorso non è una novità per il brand d’alta moda d’oltralpe, negli anni ‘20 furono creati sofisticati beautycase con spazzole in tartaruga, specchietti in avorio e boccette di profumo in tutte le misure. La maison chiamò persino degli artisti a collaborare per disegnare i motivi decorativi da incidere sulle bottigliette di cristallo. Nacquero così deliziosi oggetti chiamati “Editions d’Art”. Forte così del successo di queste boccette da collezione, nel 1927, Louis Vuitton lanciò la sua prima vera fragranza: Heures d’Absence, rapidamente seguita da Je, Tu, Il, Réminiscences nel 1928 e Eau de Voyage nel 1946. Il mistero attorno a queste note olfattive rimane ancora oggi intatto poiché, mentre alcune boccette originarie esistono tutt’ora in perfette condizioni, il profumo al loro interno è evaporato da tempo.

Vuitton ha ripreso così la strada del eau de parfum svelando il proprio atelier a Grasse, la tenuta Les Fontaines Parfumées, che oltre ad ospitare Jacques Cavallier, maestro profumiere della maison, sarà anche l’atelier di Francois Demachy, maestro profumiere di Dior. È stata rivelata anche la palette dei materiali naturali e rari che sono stati assemblati per creare la fragranza sognata da Cavallier, il primo passo è stata la ricerca di un’infusione del pellame di cuoio usato nelle borse di Vuitton.