3 dicembre 2016

Il grande bluff sul contratto dei dipendenti capitolini, a dirlo le Segreterie di Roma e Lazio di FP CGIL, CISL FP e UIL

 

 

Abbiamo creduto fino all’ultimo momento che ci fosse la possibilità di sottoscrivere con la gestione commissariale un contratto che finalmente restituisse dignità e livelli salariali accettabili per i dipendenti capitolini tutti. Una serie di incontri estenuanti al tavolo sulla base di una piattaforma sindacale unitaria Cgil-Cisl-Uil attesta un lavoro in cui ci siamo impegnati senza risparmio di energie.

Ora, sulla linea del traguardo, nella giornata che doveva premiare gli sforzi profusi per portare a buon fine il mandato di migliaia di lavoratori, la gestione commissariale annuncia la chiusura delle trattative senza esito alcuno, con spiegazioni che a questo punto perdono senso. Le motivazioni istituzionali espresse non sono minimamente sufficienti a placare la rabbia per un’altra possibilità tolta a 24000 dipendenti. La disillusione è forte, e grava sia sulla parte tecnica che su quella commissariale. Si è persa un’altra grande occasione per sgombrare il campo da un problema che estenua da oltre due anni una collettività di lavoratori certamente non messi nella migliore condizione di erogare servizi ai cittadini della Capitale d’Italia.

Il nuovo Sindaco, qualunque sia, avrà uno scottante problema in più da affrontare ch nelle dichiarazioni della gestione commissariale era posto quale priorità.

La sforzo per la dotazione di un fondo legittimo di salario accessorio per i 24000 dipendenti, viene mortificato da un’incomprensibile scelta che vanifica le speranze riposte sull’azione della gestione commissariale.