11 dicembre 2016

Referendum, Toninelli, M5S: “Italicum peggio della legge truffa del ’53, è fatta per fregare i cittadini”

Danilo Toninelli, deputato del M5S e membro della Commissione Affari costituzionali alla Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito all’Italicum. “La legge truffa del 1953 e l’Italicum hanno un fattore comune, che è quello di fregare i cittadini e mettere in mano a chi sta gestendo il potere tutte le istituzioni –ha affermato Toninelli-. Tecnicamente la legge truffa era migliore dell’Italicum in quanto dovevi raggiungere il 50% per avere un grande premio di maggioranza, con l’Italicum invece non devi raggiungere nulla, puoi avere il 25% dei voti e poi vincere il ballottaggio. E’ una fregatura per i cittadini. Una legge elettorale, che è l’autostrada che porta i cittadini a diventare rappresentanti del popolo, se non mette al centro i cittadini con l’utilizzo delle preferenze, è una fregatura democratica assoluta. L’Italicum è fatta per non far vincere il M5S, l’ha detto il prof. D’Alimonte che è quello che ha scritto la prima versione della legge”.

Sulla riforma costituzionale. “Siamo perplessi e preoccupati per questa riforma costituzionale fatta con la volontà di non far governare il M5S –ha affermato Toninelli-. Il nuovo Senato è composto dai consiglieri regionali e quindi dal Pd. Se vincerà il Pd e avrà la maggioranza alla Camera, avrà un Senato a favore da poter accarezzare. Se invece vincerà il M5S avrà una schiacciante minoranza al Senato e una maggioranza di centrosinistra che gli metterà i bastoni tra le ruote e non gli permetterà di governare. Oltre che un disastro tecnico, la volontà che c’è dietro questa riforma è qualcosa di vergognoso.

Fonte: Radio Cusano Campus