5 dicembre 2016

Tennis, 2 anni di squalifica per doping a Maria Sharapova

Maria Sharapova è stata squalificata per due anni a causa della positività al meldonium, sostanza proibita dalla WADA. Il verdetto è arrivato ieri dal tribunale indipendente, nominato dalla Federazione Internazionale di Tennis (ITF), per accertare i fatti e la responsabilità della tennista russa dopo che è risultata positiva al test antidoping effettuato durante quarti di finale degli Australian Open.

Il 26 gennaio 2016, dopo la partita dei quarti di finale in Australia è stato raccolto un campione di urina tennista russa per le analisi antidoping e inviato presso i laboratori accreditati dalla WADA a Montreal, in Canada. Le analisi hanno riscontrato la presenza di meldonium, un modulatore metabolico che è incluso nella sezione S4 (Ormoni e modulatori metabolici) della lista delle sostanze proibite secondo i protocolli della WADA. Il 2 marzo la Sharapova è stata accusata di aver violato le Regole antidoping contenute nell’articolo 2.1 del programma (presenza di sostanze proibite presenti in campioni di un’atleta), ed ha subito ammesso di aver utilizzato la sostanza proibita chiedendo di essere ascoltata da un tribunale internazionale per determinare le conseguenze della violazione. Dopo che il tribunale indipendente l’ha ascoltata per due giorni, dal 18 al 19 maggio, ha raccolto le prove ed ha sentito tutte le parti coinvolte è arrivata la sentenza di squalifica per due anni dal 26 gennaio 2016, giorno in cui è stato effettuato il controllo antidoping, fino al 25 gennaio 2018. Il periodo di interdizione è retrodatato rispetto alla sentenza perché è stata riconosciuta l’attenuante dell’ammissione dell’uso del farmaco proibito.

Maria Sharapova ha commentato così attraverso la su pagina Facebook la sentenza: ” Il tribunale dell’ ITF oggi ha riconosciuto che la mia assunzione del Meldonium non fosse intenzionale. La Federazione Internazionale ha speso grandi risorse di tempo e denaro per dimostrare l’intenzionalità della mia violazione delle norme antidoping ma il tribunale internazionale ha dimostrato il contrario. Dato che il tribunale ha concluso correttamente che non ho violato intenzionalmente le regole antidoping, non posso accettare una pena ingiusta. Farò immediatamente ricorso al CAS, corte di arbitrato per lo sport”.