11 dicembre 2016

Roma, nuovo asilo per 100 bambini in via Prenestina

Appuntamento al 25 giugno in zona Tor Tre Teste per la grande festa di inaugurazione, aperta a tutti i cittadini. La struttura sarà sia nido che scuola dell’infanzia

La Scuola dell’infanzia Wonderland raddoppia e regala alla Capitale un nuovo asilo. La nuova sede dell’Istituto paritario sarà nel quartiere Tor Tre Teste e va ad aggiungersi alla scuola di Via Galati, in zona Colli Aniene.

La struttura di via Prenestina 742 sorge su oltre 1000 mq con due aree esterne protette a disposizione dei bambini e un ampio parcheggio per i genitori. Il nuovo asilo accoglierà i bambini sia nelle sezioni del nido (da 0 a 3 anni) che della scuola materna (da 3 a 6 anni) per un totale di circa 100 nuovi posti. Lo stabile, completamente ristrutturato e rimesso a nuovo, è un ex capannone: questo rende il nuovo asilo molto luminoso e arioso, grazie anche ai soffitti molto alti.

Le due aree esterne saranno divise tra i bambini del nido e della scuola materna. I piccoli avranno a disposizione un’area giochi coperta con strutture in legno (scivoli, arrampicate, percorsi ludici…) e un orto didattico per imparare e vivere esperienze a contatto con la natura.

Il lavoro della Scuola Wonderland donerà quindi al quartiere e alla città una Scuola dell’infanzia nuova di zecca che vedrà la luce con una grande festa sabato 25 giugno. Una festa aperta a tutti e che sarà un’occasione per i residenti nel quartiere e non solo per conoscere i nuovi spazi a disposizione e passare una giornata di allegria e divertimento insieme ai propri bambini.

La Scuola Wonderland si avvale esclusivamente di personale altamente qualificato con esperienze specifiche nel settore dell’infanzia. Tutta l’equipe è selezionata in considerazione di requisiti specifici che danno alla struttura un valore aggiunto di qualità e garanzia nel rispetto assoluto dei bambini. Inoltre, la scuola prevede la didattica giornaliera oltre che in lingua italiana anche in Inglese e Spagnolo: l’attenzione al mondo delle lingue ha il preciso intento di formare piccoli “europei”, quella stessa attenzione già presente nel resto d’Europa, che dà la possibilità agli uomini e alle donne di domani di aprire le porte ad un futuro globale.