5 dicembre 2016

Quali sono i casi in cui serve fare un’autocertificazione di frequenza scolastica

Un’autocertificazione di frequenza scolastica o universitaria dei figli, è un modulo ufficiale richiesto solitamente dall’ente previdenziale (INPS), per venire a conoscenza della situazione dei figli a carico in famiglia. Infatti la presenza di uno studente all’interno del nucleo familiare può apportare un aiuto economico dall’Inps, in caso d’insufficienza del reddito da parte della famiglia.

L’assegno familiare, spetta a tutti coloro mantengano un figlio sotto il proprio nucleo familiare, in caso di famiglie in instabilità economica o con lavori precari questo contributo è inviato tramite assegno, mentre per chi è un dipendente pubblico o di una ditta privata, l’importo dell’assegno familiare viene versato direttamente sulla busta paga di uno dei genitori.

In caso i figli maggiorenni lavorino, il reddito della famiglia, ingloba anche quello del figlio, in questo caso gli assegni familiari fino a prima goduti per quel figlio vengono detratti dalla somma. In caso di figli invece in età scolare l’assegno può aumentare, proprio per agevolare il percorso d’istruzione del bambino o del ragazzo. Per questo motivo, l’Inps richiede un’autocertificazione di frequenza scolastica, questa è maggiormente richiesta in caso di figli che frequentano l’università, ma può essere presentata anche per i figli in età scolare dalle scuole elementari sino alle superiori.

Per sapere come compilare questi documenti in tutte le loro parti, si può visualizzare alcuni esempi su Autocertificazioni360, nel sito troverete infatti anche un esempio per effettuare correttamente un’autocertificazione di frequenza scolastica.

Il modello di autocertificazione è comunque scaricabile dal sito dell’Inps, questo deve essere compilato in tutte le sue parti correttamente, senza ommettere alcuna voce. Infatti, le autocertificazioni richiedono diversi dati, tra cui nome e luogo di residenza del richiedente oltre che al luogo d’iscrizione scolastica del figlio, in caso di figlio universitario, potrebbe anche essere richiesto il numero di matricola.

L’autocertificazione va presentata presso gli uffici dell’Inps, o può essere inoltrata tramite posta raccomandata o con posta elettronica certificata, inoltre può essere affidata la pratica anche direttamente al vostro sindacato, che presenterà la vostra richiesta sotto il vostro consenso e tramite delega. Ogni dichiarazione effettuata tramite autocertificazione deve essere veritiera, in caso di falsa testimonianza, questa può essere impugnata penalmente.