4 dicembre 2016

Nelle farmacie scarseggiano vari medicinali, la carenza di farmaci comincia a preoccupare seriamente

ATT. PEREGO E CATTANEO - OSPEDALE NIGUARDA REPARTO DI CARDIOCHIRURGIA MEDICI PAZIENTI INFERMIERI RIANIMAZIONE SANITA' - Fotografo: FOTOGRAMMA DEL PUPPO

 

In questi giorni è impossibile trovare sul mercato diversi preparati. Mancano varie specialità tra cui alcuni antitumorali che neanche gli ospedali riescono a trovare. Ma a preoccupare le autorità è soprattutto l’esaurimento dello stock del vaccino combinato più diffuso che protegge i bambini contemporaneamente contro sei malattie, tra cui difterite, tetano, pertosse e poliomielite. Toccati dalla penuria di farmaci non sono però solo i genitori e i pazienti più piccoli. La lista dei preparati esauriti per settimane o mesi, attualizzata lunedì, contempla una ventina di farmaci tra cui l’ IPNOVEL, VALIUM, VIAGRA, NIMENRIX, CAVERJECT, REVATIO, TAVOR, ZIMOX, DALACIN, METHOTREXATE, LEVODOPA, CARBIDOPA, ENTACAPONE, TECNIGEN, HALCION, FELDENE, TESTIM, FLUDARA, VECLAM, RANIBEN ULCEX, GLITISOL, RANIDIL, PLANUM.

La carenza di farmaci comincia a preoccupare seriamente, commenta Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” anche se la situazione è critica in tutta l’Europa. In alcuni Ospedali i pazienti sono costretti a portarsi da casa i medicinali (in particolare un farmaco per l’ipertensione molto utilizzato ed un altro per l’epatite B) perchè nel prontuario ospedaliero non compaiono. Le conseguenze per i malati che davvero è diventato un grande problema assicurare la continuità delle cure.

Giovanni D’AGATA