6 dicembre 2016

Viterbo, Art Bonus: giovani per recuperare il patrimonio artistico locale

 

Art Bonus ovvero come i privati, ma anche gli enti locali , possano finanziare il recupero di opere d’arte e risparmiare sulle tasse. La legge del ministero dei Beni Culturali è stata al centro della conferenza stampa tenuta all’università dal prof. Alessandro Ruggieri Rettore, dall’avv. Alessandra Moscatelli direttore generale, dai professori Ulderico Santamaria e Paola Pogliani rispettivamente presidente e vicepresidente del corso di laurea magistrale a ciclo unico in conservazione e restauro dei beni culturali. Un corso, ha specificato il rettore che crea restauratori professionali pronti, appena conseguita la laurea, a lavorare. Ad oggi sono 40 gli iscritti ma presto arriveranno a 60 per l’apertura di un nuovo corso.  Art Bonus è dunque un invito a tutti, privati,  imprenditori e enti locali, a finanziare alcuni restauri del nostro territorio avendo vantaggi: potranno infatti detrarre dalle tasse il 65% dell’importo impegnato . “Ci sono in Italia– ha specificato Ruggieri- solo 5 corsi del genere e l’Università di Viterbo ha impegnato notevoli risorse per creare specialisti del restauro. Un corso che ha superato tutti i controlli del MIUR prima di essere avviato. Gli studenti lavorano su opere del territorio da restaurare grazie ad accordo con Comuni e Diocesi. Tutto a costo zero se escludiamo le spese per i materiali impiegati nel restauro. L’UNITUS offre dunque un’opportunità straordinaria al territorio in fatto di recupero di importanti opere d’arte utilissime per il rilancio turistico della Tuscia. Dunque– ha proseguito il rettore- Art Bonus è una irripetibile occasione per tutti. Va creato un triangolo  virtuale tra Università ,Comuni e Diocesi per un deciso impulso al recupero del nostro grande, ricco e purtroppo poco valorizzato patrimonio artistico-culturale”.

Chi si laurea in conservazione e restauro dei beni culturali– ha specificato il prof. Ulderico Santamaria- è immediatamente abilitato alla professione grazie ad un esame sostenuto davanti ad una apposita commissione di esperti. Dunque può subito passare alla fase operativa. Quindi può dare un serio aiuto al territorio viterbese. Come studenti restauratori, i giovani già operano in questo senso recuperando importanti opere d’arte come ultimamente ad Acquapendente. In tutto abbiamo una forza operativa di 150 persone tra docenti e studenti, che si occupano al recupero del patrimonio culturale della Tuscia. Art Bonus è una ulteriore occasione per imprenditori, privati ed enti locali a collaborare a questo recupero che può mettere in moto un importante indotto dove possono trovare occupazione centinaia di persone. Dunque Art Bonus ha notevoli risvolti economico-sociali sul territorio“.

Abbiamo sottoscritto collaborazioni con diversi Comuni (Acquapendente, Orte, Orvieto ed altri) e Diocesi (quella di Viterbo e di Orvieto) – ha detto la professoressa Paola Pogliani. – Il territorio ci ha dato fiducia e noi rispondiamo con i fatti anche fuori della nostra provincia. Abbiamo già avviato attività con la Soprintendenza archeologica di Roma e con il Polo museale di Napoli. Dunque gli studenti fanno attività anche estere non solo alla nostra provincia. Esperienze sul campo utilissime. Ci occupiamo di dipinti, sculture lignee, opere murarie, mosaici, stucchi e tanto altro ancora. A breve interverremo a Viterbo per recuperare il fonte battesimale del Duomo, parte della scalinata dello stesso Duomo e alcuni busti lignei. L’Ateneo- ha detto- fa sempre grandi investimenti in questo settore

E’ un tipico e chiaro esempio di sussidiarietà orizzontale – ha specificato l’avv. Alessandra Moscatelli direttore generale dell’Università- finalizzata al raggiungimento di un alto obiettivo. La conservazione dei Beni Culturali, indispensabile per l’Italia e soprattutto per la Tuscia per rilanciare il turismo fonte importantissima per lo sviluppo socio-economico. Dunque dove non arriva lo Stato possono arrivare preziose sinergie del genere che tra l’altro consento una detrazione dalle tasse del 65% dell’importo impiegato”

About Sara Mairaghi 1226 Articoli
Sara Mairaghi, chitarrista per passione e hobby, dopo aver lavorato come free lance per alcuni siti web, è approdata presso Il Tabloid Motori dove gestiva la parte social del sito. Vista la sua passione per qualsiasi tipo di evento festaiolo e alla moda, cinema e spetacolo, nel settembre 2014 ha preso in carico la categoria Intrattenimento ed Eventi de Iltabloid.it