8 dicembre 2016

Roma, UE Coop Lazio incontra il presidente Giampaolino

 

“Siamo nati per promuovere una nuova idea di cooperazione che abbia al centro gli individui, che intercetti i loro bisogni e dove ogni progettualità sia finalizzata nel rispetto del codice etico al quale abbiamo scelto di uniformare la nostra azione e della trasparenza che abbiamo voluto come tratto distintivo del nostro operato”. È uno dei passaggi del saluto che Aldo Mattia, presidente di Ue.Coop Lazio, ha rivolto in occasione dell’assemblea con Luigi Giampaolino, presidente nazionale di Ue.Coop – centrale operativa che aggrega e assiste le imprese cooperative affiliate Coldiretti. Un incontro convocato per fare il punto sul rispetto del cronoprogramma degli obiettivi inseriti nella Agenda 2016 in tema di nuovi progetti, di accesso alle misure di finanziamento del Piano di sviluppo rurale, di accreditamento della struttura presso i tavoli istituzionali permanenti di Regione e Ministero, per la valutazione dello sviluppo della rete di commercializzazione di beni, prodotti e servizi. Un incontro che però è stato promosso innanzitutto per ascoltare i soci e condividere con loro – rappresentati in assemblea da presidenti, dirigenti e amministratori – tutte le iniziative più efficaci per rimuovere le criticità gestionali e operative e potenziare il grado di incisività di Ue.Coop nella risoluzione delle problematiche di approccio al mercato esposte dalle imprese associate. Sui valori imprescindibili di etica e trasparenza è intervenuto il presidente Giampaolino, sottolineando come la scelta di quei valori fosse la strada obbligata per consentire a Ue.Coop di accreditarsi come la casa di vetro della nuova cooperazione. Ue.Coop affilia in Italia oltre 4.000 imprese cooperative, 500 delle quali operative nella regione Lazio