11 dicembre 2016

Roma, Storace: “Meloni arrogante e maleducata, è un fuoco di paglia”

Francesco Storace, leader de La Destra, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Il flop di Marchini a Roma. “Rimasto colpito è dire poco. Pensavo a un risultato migliore di Forza Italia. E’ inevitabile che c’è stato un crollo. Anche chi ha più consensi deve ragionare, perché se i consensi non ti fanno vincere te li dai in faccia. C’è stato un terzo dell’elettorato di centrodestra che ha preferito votare altrove rispetto alla Meloni. Il trasferimento dei suoi voti alla Meloni non è automatico. I toni arroganti che sta avendo in queste ore contro me e Berlusconi e la sua maleducazione sono un peccato. E’ stata lei l’artefice dell’accordo per far andare al ballottaggio Giachetti, col suo atteggiamento capriccioso. Se lei avesse accettato la nostra proposta Giachetti non sarebbe andato al ballottaggio. Alla candidatura della Meloni per prima doveva crederci lei. Invece prima di decidersi a candidarsi ha tirato fuori un rosario di candidatura e ha sbandato l’elettorato. Perché a Milano va bene Parisi e Marchini non va bene a Roma? Qual è la differenza politica e culturale? Ha deciso Salvini, che col 2,7% ha imposto il suo gioco a Roma. Salvini ha candidato capolista Pivetti e ancora va in giro a parlare di vecchi arnesi della politica. L’appoggio di FI a Marchini è stato tardivo. La campagna elettorale è stata gestita male per un accordo in zona Cesarini. Questo voto ha dimostrato che gli elettori nessuno li porta a spasso, l’elettore decide dalla sua parte. Io ho fatto un errore di posizionamento. Col mio giornale voglio cercare di dar vita ad un’azione politica e culturale che a destra manca. Non ci possiamo affidare alla Meloni. L’aspirante leader della destra italiana a Roma ha preso 265mila voti, 100mila in meno di Alemanno quando ha perso le elezioni nel 2013. Io stesso ne ho presi più di lei alle regionali. Per non parlare di quando la destra prendeva 600mila voti. Quella della Meloni è una destra egemonica che punta ad escludere tutti gli altri. Quelle di Almirante e Fini sono state destre inclusive. La pretesa di essere l’unica a poter parlare e a decidere chi può e chi non può fare politica è sbagliata”.

Bertolaso ha dichiarato che voterà Giachetti. “Quando Berlusconi, Salvini e Meloni sottoscrissero l’accordo sulla candidatura di Bertolaso fui io a segnalare le sue dichiarazioni a Repubblica pro-Giachetti. Si sapeva da che parte militasse Bertolaso”.

Fonte: Radio Cusano Campus

About Emanuele Bompadre 8296 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.