3 dicembre 2016

Omicidio Yara, l’indizio del ciuffo d’erba: era radicato secondo il comandante dei Ros

L’Avv. Claudio Salvagni, legale di Massimo Bossetti, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito all’indizio del ciuffo d’erba che Yara stringeva tra le mani. “Noi abbiamo evidenziato elementi oggettivi emersi durante il dibattimento –ha affermato Salvagni-. Il medico legale fa molta fatica a collocare la data della morte e a giustificare una permanenza così lunga nel campo. Quale elemento poteva ancorare definitivamente la permanenza della vittima su quel campo? L’elemento dell’erba stretta nella mano destra. Se quell’erba fosse stata radicata sarebbe pacifico che la vittima è morta su quel campo, diversamente si aprivano degli scenari alternativi. Il comandante dei carabinieri dei Ros ha testimoniato in aula che quell’erba era radicata al suolo. Subito dopo è stata sentita la Dott.ssa Cattaneo, che è medico legale ed è intervenuta tra i primi sul luogo del delitto e ha detto che quell’erba non era radicata. Quindi uno dei due non sta dicendo il vero. Siccome il medico legale è l’unico soggetto a fare questo genere di accertamenti io tendenzialmente mi fido del medico legale. Il medico legale dice che quell’erba è compatibile col campo di Chignolo, ma se era radicata non avrebbe avuto alcun senso fare il dna dell’erba. E’ evidente che cambiando il tempo di permanenza su quel campo verrebbe scritta tutta un’altra storia. Nella fattispecie manca tutto, il pm ha alzato le mani e ha detto che non è in grado di dire se è stata rapita, se è salita sul furgone, come è stata uccisa, cosa è successo nel campo di Chignolo. Le zone d’ombra sono veramente tantissime, per stessa ammissione del pm”.

Fonte: Radio Cusano Campus