5 dicembre 2016

Zarco, dalla pole alla vittoria

Zarco, Catalunya Moto3 2016

Johann Zarco del team Ajo Motorsport vince il GP di Catalogna. Alex Rins, Paginas Amarillas HP 40, è secondo nella gara di casa davanti a Takaaki Nakagami di Idemtsu Honda Team. Primo degli italiani e solo undicesimo è Franco Morbidelli della scuderia Estrella Galicia 0,0.

La gara catalana della Moto2™ si apre nel ricordo di Luis Salom, pilota della categoria deceduto venerdì a causa di una caduta. Tutto il mondo del MotoGP™ gli ha reso omaggio con un minuto di silenzio prima dell’inizio delle competizioni. La prima fila della classe 600cc è composta da Zarco, autore del primo tempo di qualifica, Rins e Thomas Luthi, pilota Garage Plus. Il migliore degli italiani è Baldassarri in ottava posizione. Non un grande sabato per Sam Lowes, il pilota Federal Oil Gresini e leader della classifica iridata parte dal centro della seconda fila, durante la gara faticherà. Il più veloce del warm up è stato Nakagami già in luce nelle libere di venerdì. La temperatura dell’aria è superiore ai 25 gradi e le ottime condizioni meteo sono state determinanti della scelta degli pneumatici: Dunlop medie per quasi tutti i piloti della classe di mezzo.

Il semaforo si spegne e parte bene Luthi che si mette davanti al gruppo, Zarco scivola in terza posizione e secondo è Rins, poi Nakagami e Hafiz Syahrin del team Petronas Raceline. Simone Corsi, autore di una grande partenza è quarto e scavalca il malese mentre il nipponico perde posizioni finendo al sesto posto e subendo il sorpasso di Baldassarri. Lowes è nono quando cade Xavier Simeon, QMMF Racing alla curva 4.

Al secondo giro il pilota di Barcellona attacca e supera Luthi mettendosi al comando. Corsi e Baldassarri entrano in contatto nella chicane prima della curva 15 e finiscono nella ghiaia, l’incidente inciderà sulla gara di entrambi. Comanda Rins mentre Zarco si pone al secondo posto davanti a Luthi poi Alex Marquez, Estrella Galicia 0,0, avvantaggiato dal doppio out dei due italiani, solo il pilota Forward riprende la via della pista ma sarà distante dai primi. Chiude la quinta posizione il malese numero 55 e si ritira Sandro Cortese, Dynavolt Intact GP mentre il suo compagno di box, Jonas Folger non sembra tenere il passo dei migliori dopo la partenza dalla dodicesima piazza e alla fine sarà settimo.

Al quarto giro Lowes è sesto davanti a Nakagami mentre il primo degli italiani è Franco Morbidelli, decimo a 0.806s dal primo. Il duo di testa aumenta il proprio vantaggio svettando sul corridore in terza posizione di circa due secondi. La vittoria finale è già un affare franco-catalano.

A meno 15 tornate dal termine il gruppo si allunga senza cambi al vertice. Lottano Lowes e Nakagami per la sesta piazza dietro a Syahrin saldo al quinto posto temporaneo. A dodici giri dalla fine Marquez finisce nella ghiaia alla curva dieci continuando il suo trend di gare segnate da cadute mentre Rins e Zarco continuano la loro corsa in solitaria a circa 2.3s da Luthi. Segue il duo asiatico e come sesto il britannico numero 22 che in questa fase è distante qualche metro da Nakagami. Al decimo giro anche Luca Marini, team Forward cade alla curva 14 mentre il giro successivo è out Dominique Aegerter della scuderia Carxpert Int.

A sette passaggi dalla fine Zarco prova l’attacco a Rins e lo sorpassa mettendosi al comando della gara. Una corsa che adesso vede Morbidelli e Baldassarri, rientrato dopo la caduta iniziale come migliori italiani in pista al dodicesimo e al quattordicesimo posto, poi Mattia Pasini del team Italtrans Racing nelle basse posizioni del gruppo. Al diciannovesimo passaggio si accende la lotta per il terzo posto, Nakagami si fa sotto a Luthi e lo attacca sorpassandolo, Syahrin è quinto con il leader della classifica iridata distante di oltre tre secondi.

Battute finali, il duello per la vittoria è tutt’altro che risolto. Zarco prova l’allungo ma Rins resta agganciato per alcuni giri. Il passo del pilota di Cannes però è alto e l’idolo di casa a poco a poco si distanzia, all’ultimo giro ha uno svantaggio di oltre due secondi. Zarco vince in solitaria, secondo è Rins e terzo Nakagmai. La lotta per la quarta piazza va a Syahrin davanti a Luthi, Lowes è sesto a 2.039s dal primo accumulando utili punti iridati. Gara opaca per gli italiani, il primo è Morbidelli, undicesimo davanti a Pasini. Baldassarri chiude al quattordicesimo posto.

Il pilota francese vince la sua terza gara della stagione e saluta il pubblico alla curva 12, luogo dell’incidente fatale a Salom, suo amico. Al giovane deceduto venerdì rende omaggio anche Rins sventolando durante il giro d’onore la bandiera numero 39.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5957 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.