8 dicembre 2016

MotoGp, Montmelò 2016: la pagella del Dicos

VALENTINO ROSSI 9+: E’ autore di una vittoria che zittisce quel tale che ha affermato che chi ha deciso le modifiche al tracciato lo ha fatto non per una mera questione di sicurezza ma perché vanno meglio per la propria moto (è possibile sapere il nome e la moto? Oltre a non presentarsi alla riunione della Safety Commission, dimentica che la curva 9 era stata ritenuta pericolosa già negli anni scorsi) e che avrebbero, poi, penalizzato le Yamaha. Vince a suon di staccate il duello con Marquez ed è bravo nella gestione delle fasi finali di gara, dove non ha commesso errori. Un successo che rilancia le sue azioni per la scalata al titolo, anche se rimane ancora terzo in classifica generale. La stretta di mano con Marquez l’ho apprezzata molto; un campione come lui dovrebbe meno ascoltare chi campa dei suoi successi e ascoltare maggiormente il proprio cuore. Bravo!

 

MARC MARQUEZ 8,5: La pole position ed una partenza super non gli sono bastate per mettere il proprio sigillo anche sulla coppa del vincitore. Guida sempre al limite e nelle ultime cinque tornate prova a mettere in difficoltà Rossi. La sua Honda ed i suoi pneumatici, però, non lo sostengono fino in fondo negli attacchi e così deve accontentarsi della piazza d’onore. Ha detto che sono stati attacchi timidi, perché quando ha saputo dell’uscita di scena di Lorenzo, nel suo cervello si sono accesi i numeri del campionato. Ora, con una moto ancora non all’altezza delle rivali di Iwata, comanda la classifica generale. Vamos!

 

DANI PEDROSA 7,5: Il fantino di Sabadell chiude il podio nella gara di casa. A differenza del compagno di squadra, però, non è mai stato in lizza per la vittoria. Un piazzamento che si spera possa regalargli il giusto slancio per vederlo di nuovo attore protagonista. Forza!

 

MAVERICK VINALES 5,5: E’ autore di una condotta di gara che non mi è piaciuta. Certo la posizione merita un voto più alto ma molti dei suoi tentativi di sorpasso li ho trovati un pelino isterici ed eccessivi. Un conto è la foga agonistica un altro è dare fastidio ai propri avversari, con il rischio di farsi e farli male. Deve imparare a saper gestire l’irruenza, perché non basta essere veloci per vincere. Occhio!

 

YAMAHA: La migliore moto.

HONDA: Prima grazie al polso di Marquez.

 

SUZUKI: La terza forza ancora lontana….

 

DUCATI: Perché non adottano per Iannone la politica adottata dalla Red Bull per Kvyat? Errare è umano perseverare….

 

APRILIA: L’ottava piazza va bene, meno i 43 secondi di distacco.

 

CERTE ENTRATE: Tra un selfie ed una scusa ridicola qualcuno dovrebbe ricordarsi che il motociclismo è uno sport dove il dolore e la morte sono sempre in agguato. Certe entrate più che da kamikaze sembrano da kapekazzen, chiaro?

 

SICUREZZA: Su come la penso in merito leggerete nei prossimi giorni un articolo a parte.

 

POLEMICHE INUTILI: Sono così contento per aver ascoltato l’Inno di Mameli che non ho voglia di replicare alle bassezze di chi fa finta di dimenticare che certi fischi ed ululati c’erano ben prima di Valencia 2015. Loro nel 2009, ad esempio, a Misano c’erano. Lasciamo perdere, che è meglio. Godiamoci il successo di Rossi senza se e senza ma.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.