9 dicembre 2016

Moto 3: prima vittoria di Navarro

Il GP di catalogna va a Jorge Navarro del team Estrella Galicia 0.0, primo sul podio della classe leggera davanti al portacolori Red Bull KTM Brad Binder. Enea Bastianini, Gresini Racing, conquista di convinzione il terzo posto.

Il settimo appuntamento del Campionato del Mondo Moto3 si apre con l’omaggio che il motociclismo fa a Luis Salom, pilota di ventiquattro anni deceduto dopo una incidente nella FP2 della classe intermedia. Il giovane di Maiorca, vittima di una caduta alla curva 12 venerdì, è stato commemorato con un minuto di silenzio prima che la gara della classe leggera prendesse il via. In pista la Kalex e la foto del numero 39 circondata dai protagonisti delle tre categorie, dalla scuderia e dai familiari del giovane pilota scomparso. Molte carene, anche quelle della quarto di litro, ospitano tributi a Salom.

Prima fila composta da Binder, leader del campionato e autore della pole, Niccolò Antonelli e Jorge Navarro, migliore del warm up mattutino. La seconda fila è aperta dal portacolori SKY Team VR46 Nicolò Bulega; a seguire Bastianini e Khairul Idham Pawi, Honda Team Asia, come sesto. Le condizioni climatiche ottime fanno da cornice alla prima gara del programma domenicale per la quale, la maggior parte dei corridori, ha scelto Dunlop a mescola media.

Si spegne il semaforo e Binder scatta subito bene seguito da Bastianini, Antonelli e Navarro con il malese numero 4 vicino. Prima caduta alla curva 1 di John McPhee, Peugeot Saxoprint e di Stefano Valtulini, 3570 Team Italia mentre un problema tecnico mette fuori gara il portacolori Drive M7 Adam Norrodin. Nel primo passaggio al traguardo Bastianini prende la testa del gruppo che si compatta. A metà del secondo giro al comando sale Pawi mentre il sudafricano KTM cede il posto ad Aron Canet, pilota Estrella e partito dalla nona posizione. Il numero 41 prova a controllare da distanza la lotta di vertice.

Terzo giro caratterizzato dalle cadute. Nella ghiaia della curva 10 finisce Maria Herrera, MH6 Team e alla 12 si toccano Hiroki Ono, Honda Team Asia e Jules Danilo, Ongetta-Rivacold. Nessuno riesce ad allungare e le posizioni di vertice mutano ad ogni passaggio. Piloti parti dalle file centrali salgono nelle prime posizioni, comanda Navarro seguito dal compagno di scuderia Canet e come terzo Gabriel Rodrigo, RBA Racing, poi Binder, il pilota SKY Team VR46 e Bastianini. Tra i due italiani c’è circa un 0,25s e alla curva dieci il portacolori RBA Juanfran Guevara perde l’anteriore e abbatte l’incolpevole Bagnaia. Alla stessa curva cade anche Andrea Migno, SKY Team, concludendo un GP che lo aveva visto anche nelle prime posizioni.

Dopo sette giri il primo è Navarro che sul rettilineo del traguardo è sorpassato da Fenati. L’ascolano mette a segno anche il miglior giro con il corno di 1:54.145s. Il pilota Estrella subisce il colpo e scivola al quarto posto, Rodrigo e Binder sono secondo e terzo a circa 0.15s dal pilota SKY. Ma il leader della classifica prova a comandare la gara allungando di qualche metro su Navarro, Rodrigo e Fenati. Quando mancano dodici giri alla fine si forma un gruppo di testa nel quale si aggiungono Bastianini, Pawi, Bulega e Canet separato da oltre 2 secondi dal resto dei piloti. La gara catalana si risolverà tra questi otto.

La lotta tra questi corridori è accesa e ad ogni staccata si duella per mettere la propria moto davanti agli avversari. Binder perde momentaneamente la vetta della corsa in favore del numero 8 SKY Team VR46 che prova a staccare gli altri sette vicinissimi nella percorrenza delle curve veloci e in frenata. Albert Arenas, wild card del team MRW, cade alla curva dieci, problematica già per molti piloti della classe leggera. Al giro 15 finisce inaspettatamente la gara di uno dei protagonisti di testa: nella esse tra la curva 14 e 15 Antonelli perde l’anteriore e scivola sul cordolo. Cade anche Jorge Martin, Aspar Team, alla due.

Mancano cinque girio al termine e il nuovo primo è Bastianini seguito da Navarro e da Fenati; Binder è quarto non prendendo parte, per ora, alla sfida per il podio temporaneo. Lo seguono da vicino gli altri quattro corridori e ormai a oltre otto secondi il resto del gruppo. A quattro giri dalla fine il leader iridato entra in contato con Rodrigo alla curva tredici, il numero 19 va dritto dopo aver incontrato il posteriore della KTM colorata Red Bull, Binder resta in piedi perdendo però posizioni. Va peggio a Pawi che cade da solo alla curva dieci. A meno due passaggi dalla bandiera a scacchi Rodrigo perde l’anteriore in staccata alla fine del rettilineo del traguardo. Una gara caratterizzata dalla numerose cadute, alla fine saranno diciassette.

Ultimo giro, restano sei corridori: Navarro, Bastianini, Fenati, Binder, Canet e Bulega. Si lotta duramente e il sudafricano risale fino al secondo posto quando il pilota Estrella prende qualche metro di vantaggio, sembra imprendibile e saranno fondamentali per la vittoria. Taglia il traguardo per primo davanti al numero 41 e a Bastianini. I portacolori SKY Team VR46 sono quarto e quinto. Chiude Canet a oltre 0.5s dal compagno di scuderia che ottiene cosi la prima vittoria in carriera. A 12 secondi gli altri corridori capitanati da Fabio Quartararo di Leopard Racing.

Primo gradino più alto del podio per il pilota di casa che, sempre al secondo posto iridato, riduce di poco lo svantaggio da Binder ancora saldamente al comando della classifica. Terzo Fenati seguito da Bulega.

 

Tra due settimane si resta in Europa con il GP d’Olanda, le prime libere sono in programma da venerdì 24 giugno.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.