10 dicembre 2016

Ennesimo naufragio al largo delle coste di Creta, affonda un barcone con 400 migranti

 

È il pesante bilancio del naufragio di un barcone avvenuto al largo dell’isola greca. Lo riporta l’Organizzazione mondiale per le migrazioni (Oim). I migranti tratti in salvo dalle autorità greche al largo dell’isola di Creta venerdì di prima mattina, sarebbero circa 340. I profughi erano stipati su un barcone con 700 persone a bordo. Le operazioni di salvataggio sono continuate per diverse ore ma rimane imprecisato il numero di persone a bordo dello scafo colato a picco e quello di coloro che sono stati tratti in salvo. Il battello su cui si trovavano i migranti, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, secondo fonti greche, era lungo circa 25 metri e quando è stato individuato era già affondato per oltre la metà della sua lunghezza. La segnalazione dell’imbarcazione era arrivata da una nave che lo aveva avvistato per caso a circa 75 miglia a sud dell’isola di Creta. Si pensa che la barca sia partita dall’Africa con almeno 700 migranti a bordo”, precisa l’organizzazione.

Lecce, 03 giugno 2016                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA