7 dicembre 2016

XIII° Municipio, Giachetti e Veltroni per Pasqualini candidato presidente

 

In un Teatro Ghione gremito si è tenuta la serata di dibattito “Direzione 5 giugno” nell’ambito della campagna elettorale di Massimiliano Pasqualini, candidato alla presidenza del XIII Municipio per il Centrosinistra, in vista delle prossime Elezioni Amministrative. A sostegno della sua candidatura sono intervenuti Roberto Giachetti, candidato sindaco di Roma, e Walter Veltroni.
“Siamo partiti il 6 marzo con le primarie – ha dichiarato Massimiliano Pasqualini in un momento molto difficile per la città di Roma. Attraverso una campagna strada per strada e incontri di caseggiato, i cittadini sono tornati a darci fiducia, non chiedendoci di realizzare grandi progetti, ma di occuparci delle quotidiane priorità come le manutenzioni ordinarie per lottare contro il degrado. Il XIII Municipio, che si estende da Porta Cavalleggeri e San Pietro fino alle zone periferiche dopo il G.R.A, come Casalotti, Casalselce e Castel di Guido, riflette al suo interno le bellezze e le criticità della grande città a cui appartiene, accogliendo realtà completamente eterogenee. Milioni di turisti, entrando da via Aurelia, possono ammirare autentiche meraviglie storiche ma, a pochi chilometri, si trovano luoghi di enorme degrado sociale, che deve urgentemente essere affrontato, come Bastogi, il più grande residence comunale, che oggi accoglie 460 famiglie e che in occasione della campagna elettorale anche Livia Turco ha avuto modo di conoscere. Sarà grazie  alla concretezza di Roberto Giachetti che le periferie non verranno più lasciate sole e nel XIII Municipio la nostra squadra di candidati sta lavorando già con grande impegno con l’obiettivo di dare nuovo impulso al territorio per immaginarne il futuro da qui ai prossimi dieci anni”.

“Dobbiamo restituire potere ai Municipi – ha dichiarato Roberto GiachettiI presidenti avranno grandi responsabilità e mezzi per amministrare bene e meglio, con maggiori risorse, e rispondere alle esigenze dei cittadini in maniera efficace. È fondamentale che determinate zone riprendano a vivere: la città si è spenta e per questo bisogna riportare luce ripristinando la legalità. Come avvenuto a Parigi, abbiamo intenzione di installare circa mille telecamere in tutta Roma e riattivare quelle esistenti. Sarà, inoltre, fondamentale ristrutturare la macchina organizzativa per riprendere la capacità di controllo della città, persa negli scorsi anni come dimostrato dall’inchiesta Mafia Capitale, per risparmiare risorse e garantire migliori servizi. Il tema del disagio e della fragilità estesa sta crescendo, non solo oltre il Raccordo Anulare. Per questo dovremo aggredire da subito, con Livia Turco che ringrazio, le difficoltà per lavorare sul sociale con il potenziamento dei centri antiviolenza e delle strutture per i servizi alla persona. Sono state proprio le ferite mai risanate fino in fondo a permettere al degrado di intaccare il tessuto sociale. Abbiamo già predisposto un piano con circa cento opere che vorremmo riconsegnare al territorio, dando loro funzioni non scelte dall’Amministrazione ma con la diretta partecipazione dei cittadini. Tra queste, è presente l’Auditorium Albergotti, in una fase prossima allo sblocco, che verrà restituito al XIII Municipio nei primi cento giorni di mandato. La capitale dovrà tornare a investire in due risorse, come turismo e cultura, per riacquisire il suo valore. Abbiamo il dovere di far vivere nuovamente a Roma quella fase di grande bellezza e rinascita attraversata con Francesco Rutelli e Walter Veltroni. Abbiamo il dovere di farlo e tornare a raccontarlo al mondo”.

 “Torno per la prima volta a parlare di Roma dopo molto tempo – ha dichiarato Walter Veltroni perché è stato Roberto Giachetti a chiedermelo e sento il dovere di farlo per superare insieme questa fase particolarmente delicata. Una città della dimensione di Roma senza una visione rischia di sfaldarsi e il sindaco deve avere proprio questo compito: ricucire con ago e filo il territorio in tutte le direzioni, politicamente e socialmente, infondendo nei propri cittadini un forte senso di appartenenza e orgoglio. Non c’è lavoro più impegnativo, anche umanamente, perché chiama in causa il proprio sistema di valori. Il ruolo del sindaco richiede esperienza di governo e competenza perché ogni decisione è complessa e non è possibile rischiare. Il momento che stiamo attraversando è pericoloso perché siamo travolti da dittatura del ‘tutto e subito’ con la perdita della consapevolezza del passato e del gusto del futuro. Questa ondata emotiva si sta percependo anche in Europa, come in Francia e in Austria, e negli Stati Uniti. Dobbiamo rimettere in campo razionalità ed esperienza contro la paura, all’origine di una miscela antidemocratica. Ho sempre cercato di dimostrare con la mia esperienza di sindaco che non esiste contraddizione tra grandi progetti e gestione quotidiana. Roma deve tornare a fondare la propria identità nel mondo sulla cultura, tassello fondamentale di politica sociale, e sulla qualità della vita. Nessuno deve restare solo perché proprio attraverso lo scambio si può costruire un welfare moderno. Roberto Giachetti possiede il codice istituzionale e lo spessore umano di cui questa città necessita, così come Massimiliano Pasqualini per il XIII Municipio”.  

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it