Un carrozzone d’autore

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La discussione  sui diritti d`autore in Italia e sulla Società che li gestisce in regime di monopolio dura da almeno un ventennio . Evidentemente però , non c`è voglia di reale cambiamento e di ammodernamento quando si parla di cose riguardanti i proventi. E` noto come lo stupendo “ CARROZZONE “ di stato ( e non solo) chiamato  SIAE, Società Italiana Autori Editori, operi da sempre in regime di monopolio, esattamente dagli anni 40, in un settore così importante che gestisce i diritti sulle opere frutto delle fatiche artistiche, spesso con poca trasparenza e totale inefficienza.

Finalmente però, si è arrivati ad ottenere una certa direttiva, proveniente come ormai tutto dalla famosa Europa, “Direttiva Barnier”, attraverso la quale si invitano gli Stati Membri a legiferare su un efficiente e trasparente sistema di gestione dei diritti d`autore.

Tutti coloro che hanno a cuore la musica, una delle forme d`autore protette dal “ Carrozzone”, hanno pensato che finalmente il nostro caro governo delle riforme, cogliendo l`invito dell`Europa, avesse messo mano ad una rivisitazione totale dell`Ente magari privandolo del monopolio e consentendo così la tanto sperata liberalizzazione. Invece, anche stavolta, si è riusciti ad arrivare in Europa senza una riforma degna del valore delle opere e degli artisti che ne saranno coinvolti. Anzi il ministro dei Beni Culturali, Franceschini, ha addirittura affermato che l` Europa ci invidia il sistema SIAE… cosa ci sarà da invidiare rispetto ad una società inefficiente e torbida , gestita in maniera deficitaria qualcuno dovrebbe spiegarlo!

Bene, in barba all`immobilismo tutto italiano del nostro “buon governo delle riforme”, il mondo moderno e civile, quello anglosassone ad esempio, si muove da anni nella liberalizzazione del settore, consentendo la nascita e lo sviluppo di società alternative ed efficienti in termini di gestione di diritti e proventi d`autore.

Chi vi scrive,  da anni ha a che fare con la musica, emergente specialmente, e solo chi la produce potrà spiegare quante e quali difficoltà si incontrano ad un certo punto del cammino artistico di una giovane realtà, investita da un`industria musicale in affanno da decenni a cui si vanno ad aggiungere le fastidiose briglie del “Carrozzone “ Siae.

Finalmente realtà straniere si sono affacciate nel nostro paese, e  malgrado quello che pensano i nostri cari governanti  ormai fuori da ogni contatto con la realtà, stanno conquistando sempre più terreno nel settore e sempre più giovani artisti si rivolgono a loro siglando contratti efficienti e trasparenti, di collaborazione aperta ed assolutamente libera, senza monopolio, spesso lasciando loro la gestione dei diritti.

Sarà questa la vera rivoluzione, grazie anche  ai grandi artisti della musica  che pian piano, ed è cronaca di questi giorni, stanno abbandonando la SIAE per SOUNDREEF , giovane ed efficiente realtà che vanta un riconoscimento ufficiale in Inghilterra.

“Mi ha convinto  la trasparenza, mi seguiranno in tanti”, queste le parole di Gigi D`Alessio, che lo scorso 28 Maggio ha lasciato la Siae per Soundreef. Notizia bomba per i dinosauri difensori del “carrozzone” che segue quella di Fedez avvenuta nei mesi scorsi. “ Ci sarà un effetto domino , esercitando la libertà che la Direttiva Barnier riconosce loro” rilancia l`Ad di Soundreef  Davide D` Atri.

Forse se ne accorgerà qualcuno, magari il signor Ministro  sostenitore SIAE , ma la cosa migliore e` che se ne siano accorti i Big della musica italiana, tramite loro le cose potranno cambiare, i diritti d`autori potranno far parte di un mercato di gestione libero, come per ogni bene e servizio. Certo la strada del cambiamento sarà lunga e tortuosa, le discussioni saranno estenuanti ma l`apertura ad altre realta` ormai esiste, è vera e reale e non potrà che essere uno stimolo per fare meglio proprio per la stessa SIAE.

loading...
Mirko Brillantina De Rossi
Informazioni su Mirko Brillantina De Rossi 54 Articoli
Conduttore speaker radiofonico, musicante e suonatore per passione....Ama il rock n roll non solo come genere ma soprattutto come cultura ,stile e tendenza.....Le chitarre americane sono una fissa...ne possiede sempre poche per quante ne vorrebbe!!!