10 dicembre 2016

Ladispoili, all’alberghiero piatto forte è la solidarietà

 

Gli studenti dell’Alberghiero di Ladispoli ospiti della “Locanda dei Girasoli”, accompagnati da Lucia Lolli, (Vicepreside dell’Istituto), Pamela Pierotti (Coordinatrice del Dipartimento Insegnanti di Sostegno), Marica Ruggeri (Docente di Scienze dell’Alimentazione) e Simona Dedonnantonio (Docente di Cucina).

Il Progetto di punta della Cooperativa sociale “I girasoli” sta per compiere venti anni. Era il 1998 quando un gruppo di genitori di ragazzi con la Sindrome di Down, invece di rimanere inerte a tormentarsi con interrogativi impossibili, decise di aprire un ristorante in via dei Sulpici a Roma, per offrire una possibilità di autentica integrazione sociale ai propri figli e per avviarli al mondo del lavoro. Il quartiere è quello del Quadraro, la cui edificazione si colloca fra la fine degli Anni ’10 e l’inizio degli Anni ’20 ed è situato a Sud-Est della Capitale, nell’area che va da Porta Furba agli attuali stabilimenti di Cinecittà.

Per descrivere le attività dell’Associazione e i progetti sviluppati in collaborazione con le scuole, i loro ideatori hanno scelto tre frasi celebri. La prima: “Trattate un essere umano per quello che è e rimarrà quello che è. Trattate un essere umano per quello che può e deve essere, e diventerà quello che può e deve essere” (Johann Wolfgang Goethe). Il significato è chiarissimo: apprendere per crescere, insegnare per favorire la maturazione e l’emancipazione dell’individuo, anche rispetto ai suoi punti di partenza, comprendere che l’insegnamento si basa su un rapporto di scambio e sulla reciprocità. Sono, in sintesi, le finalità del Progetto “Scuole Inclusive”, cui l’Istituto Alberghiero di Ladispoli ha aderito dopo la sigla di un protocollo di intesa con la Locanda dei Girasoli.

L’obiettivo è duplice: promuovere l’inclusione sociale e lavorativa dei ragazzi con disabilità da una parte, prevenire e ridurre il fenomeno del bullismo, dall’altra. I dati sono preoccupanti: a livello nazionale, secondo l’Istat, nel 2014 più del 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze. E sempre più spesso, ad essere vittime del bullismo, sono i soggetti con disabilità.

Combattere insieme la stessa battaglia, in altre parole “fare rete” perseguendo fini analoghi, aumenta le possibilità di successo. “Scuole inclusive” – spiegano alla Locanda dei Girasoli – è un Progetto che intende da un lato rafforzare la formazione e la sensibilizzazione di insegnanti e genitori sui temi del bullismo e della disabilità, dall’altro coinvolgere attivamente gli studenti in attività di “esperienza pratica” (Experiential Learning).

Ma alla Locanda dei Girasoli si è abituati a lavorare con molta precisione e a declinare gli obiettivi con grande accuratezza. E allora l’elenco si allunga, perché altre sono le esigenze dei genitori, altre quelle dei docenti, altre ancora quelle degli studenti. Un minimo comune denominatore, però, esiste ed è quello di imparare a riconoscere e ad accogliere l’altro, soprattutto i soggetti con disabilità. Con quali strumenti? Il rafforzamento della propria capacità di ascolto, lo sviluppo dell’intelligenza emotiva; il potenziamento delle abilità di comunicazione affettiva; l’attitudine ad individuare le potenzialità di maturazione e di crescita di un individuo. La seconda frase: “Non importa quello che stai guardando, ma quello che riesci a vedere”. (Henry David Thoreau).

“E’ motivo di grande soddisfazione aver avviato un’attività di collaborazione con la Locanda dei Girasoli. – hanno dichiarato la Prof.ssa Lucia Lolli, Vicepreside dell’Alberghiero di Ladispoli e la Prof.ssa Pamela Pierotti, Docente Referente del Progetto – Veder lavorare insieme i nostri studenti e i giovani ospiti della struttura è stato emozionante. L’offerta formativa dell’Istituto Professionale di via Federici può vantare una consolidata esperienza nelle politiche di inclusione scolastica, ma è un onore per noi collaborare con il team della Locanda dei Girasoli, modello di integrazione formativa, professionale e sociale, noto in tutto il mondo. Ci auguriamo che questa giornata sia l’inizio di un lunghissimo cammino da percorrere insieme”.

La terza frase: “Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo” (Lao Tzu).

 

About Ruggero Terlizzi 2881 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it