9 dicembre 2016

MotoGP, GP de Catalunya: Iannone ottavo e Dovizioso decimo al termine della prima giornata di prove

Al termine della prima giornata di prove del GP de Catalunya, in programma questo weekend sul circuito del Montmeló nei pressi di Barcellona, i due piloti del Ducati si sono classificati nella “top ten”, Andrea Iannone in ottava posizione e Andrea Dovizioso al decimo posto.

Nella prima sessione del mattino, Iannone aveva chiuso i 45 minuti di FP1 in sesta posizione, con Dovizioso tredicesimo.

Nel pomeriggio entrambi i piloti ufficiali Ducati sono riusciti a migliorare le loro prestazioni: Iannone ha ottenuto il tempo di 1’42”461, a 749 millesimi da Lorenzo autore del miglior crono, e Dovizioso ha chiuso in 1’42”490.

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 1’42”461 (8°)
“Mi aspettavo di essere più competitivo su questo circuito e di non dover soffrire così tanto, ma il weekend è appena iniziato per cui abbiamo ancora tempo per lavorare. Quello che ci manca è principalmente il grip e se con il posteriore siamo messi più o meno tutti uguali, con l’anteriore io fatico molto perché la moto non riesce a curvare bene e di conseguenza il mio feeling non è dei migliori. Ora dobbiamo concentrarci sul setting per poter guadagnare del grip e riuscire a migliorare domani.”

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 1’42’’490 (10°)
“Oggi pomeriggio abbiamo fatto un bel miglioramento, e siamo riusciti a far funzionare bene la gomma anteriore dura, cosa che non ci era riuscita nel turno della mattina. Con il passo che avevamo alla fine delle FP2 non ci manca molto per stare con i primi e credo che avrei potuto fare un giro anche migliore con una gomma più fresca a fine turno. Adesso dobbiamo lavorare sulle rifiniture, perché il grip è davvero poco per tutti e la differenza in gara dipenderà dal lavoro che si riuscirà a fare domani”.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.