9 dicembre 2016

“Julieta” di Pedro Almodovar

Il film inizia con Julieta cinquantenne (Emma Suarez) che racconta il suo passato alla figlia, scrivendole una lunga lettera. Una scorrevole analessi e il gioco è fatto: siamo nello scompartimento di un treno, trent’anni prima, o giù di lì. Julieta(Adriana Urgarte) incontra un uomo con gli occhiali, che poi svanirà nel nulla (primo riferimento a Hitchcock , “La signora scompare“ ). Il treno si ferma, la fotografia e la luce irrompono nelle sequenze, con colori caldi vigorosi, cari ad Almodovar (secondo riferimento a Hitchcock, in particolare alla direzione della  fotografia del film  “Intrigo Internazionale”). Le inquadrature dei corpi di Julieta e Xoan ( Daniel Grao ) sono sensuali e raffinate, i movimenti di macchina sublimi, da fuoriclasse qual è Almodovar. La sequenza del cervo che corre di fianco al treno è da mozzafiato! Si sente che il regista non vuole stupire con effetti speciali, fuori le righe, tutto scorre via liscio e si beve la storia come un bicchier di buon vino.

Il clima ironico e trasgressivo, marchio di fabbrica del cinema di Almodovar – con il quale molti di noi sono cresciuti – si stempera in un melò discreto, più del solito. Julieta va a vivere con il suo amato Xoan e la loro figlia adolescente Antia (Blanca Paredes) in un paesino sulla costa spagnola, dove il mare spesso è in tempesta. Che tenerezza fa vedere Rossy de Palma, attrice cult di Almodovar, che tutti ricordiamo nel ruolo della presentatrice televisiva stravagante in “Labirinto di passione”, nei panni di Marian, donna di servizio del sud iberico, seriosa e brizzolata: proprio quando Marian lascia la casa, il cielo s’imbrunisce e le nubi formano i primi mulinelli. Il mare sullo sfondo e le case, la disposizione e i colori, fanno presagire un evento, qualcosa sta per accadere (terzo riferimento ad Hitchcock, in “Uccelli” ).Neanche a dirlo, Prospero- Xoan, dopo aver litigato con Julieta, va in mare aperto. Inesorabilmente dal tema del mito, dall’immortalità degli eroi greci, si giunge al tema della morte, onnipresente nei film di Almodovar da un certo momento in poi della sua filmografia. Quand’è stato amore e morte, come in “Labirinto di passione“ o nel film “Matador”, la matrice melodrammatica, che era latente, si è manifestata con grande potenza espressiva, con storie narrate in modo avvincente: l’eroe o l’eroina trasformavano dolori inenarrabili, attraversandoli. Nel film “Julieta” il dolore per la morte di un caro resta tutto dentro il personaggio che alla fine “implode”. Julieta non riesce a vivere, non sta letteralmente in piedi, così la figlia accudisce alla madre, poi, compiuta la maggiore età, si eclissa. Il tempo passa e Julieta, affranta e disperata, lascia la casa, dove viveva con Antia, per non avere più nulla che le ricordi l’amata figlia. Durante una visita all’amica Ava (Imma Cuesta), ricoverata in ospedale per una grave malattia, Julieta incontra Lorenzo (Dario Grandinetti, stupendo attore di “Parla con lei”). In pieno stile “almodovariano”, solo uno sguardo, in ascensore, poi, i due s’incontrano una seconda volta al funerale della comune amica Ava. Lorenzo si dimostra un uomo sensibile, che le vuol bene e Julieta può finalmente realizzare con lui una nuova vita, ma il pensiero costante alla figlia lontana, mette in crisi il rapporto. Si lasciano. Julieta scrive alla figlia, pur non sapendo dove indirizzare la lettera: “Vivo solo per te”. Cammina in strada ed è investita da una motocicletta: accetterà mai la realtà? Lascio a voi il piacere di scoprirlo.

Fa sempre piacere vedere un film di Almodovar, un regista al quale sono molto affezionata. Opera minore sicuramente, però dignitosa,senza acuti ma senza sbavature. Godibile, in compagnia o da soli, perché, come recitava un vecchio adagio pubblicitario, “crea un’atmosfera”. La sceneggiatura è tratta da un romanzo di Alice Munro, la bella la fotografia è di Jean-Claude Larrieu. Per intenditori.

 

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.