8 dicembre 2016

Roma, Bettini, PD: “Orfini ha difeso Marino fino allo stremo. Marchini? Non è mai stato di sinistra”

 

Goffredo Bettini, storico esponente del Pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

Bettini ha presentato il suo libro ‘La difficile stagione della sinistra’. “Nel libro mi rivolgo con molto affetto a Roberto Giachetti –ha affermato Bettini-. Ha delle qualità particolari che gli permettono di sperare di vincere, anche in questa situazione così difficile”.

L’esperienza della giunta Marino. “Distinguo i due problemi del passato –ha spiegato Bettini-: una cosa è stata l’amministrazione Marino, un’altra cosa è stata la degenerazione correntizia di una parte fondamentale del Pd che poi ha anche determinato un intreccio con certe forme di illegalità. Marino è una persona perbene, di grande valore. Vinse le elezioni con grande consenso, che derivava anche dal fatto che rappresentava una discontinuità rispetto ad un certo andazzo del Pd negli anni precedenti. Alla prova del governo Marino non ce l’ha fatta, anche perché ci sono state tante difficoltà oggettive. Lui ha avuto un approccio da medico che opera, un po’ solitario e punitivo, come se Roma fosse una malata terminale. Do un riconoscimento ad Orfini, che ha difeso Marino fino allo stremo. Lo ha difeso anche al di là delle opinioni del segretario del Pd Renzi, che probabilmente avrebbe staccato la spina a Marino molto prima. A un certo punto però si sono accavallate tante cose, come la vicenda del Papa, la vicenda del funerale dei Casamonica, la vicenda degli scontrini, che hanno definitivamente rotto un rapporto di fiducia. E’ stato inevitabile”.

Sul premier Renzi. “Renzi non è un uomo che viene dalla tradizione della sinistra italiana –ha affermato Bettini-. E’ un democratico che viene dalla tradizione del cattolicesimo democratico. E’ tipicamente l’espressione di quel tentativo che con il Pd abbiamo fatto qualche anno fa di mettere insieme la tradizione della sinistra italiana con cose diverse, in particolare quel mondo cattolico. Il mio rammarico è che una sinistra che viene da una tradizione gloriosa dei comunisti italiani, purtroppo non è riuscita a rinnovarsi e a dare un contributo all’esplosione di questo talento politico che è Renzi, anche interloquendo, condizionando, anche criticando, ma guardando in avanti. La verità è che la nostra sinistra interna, tranne il sottoscritto, Veltroni e Fassino, ha sentito come una lesa maestà l’ascesa di Renzi. Quando D’Alema dice che si sente un orfano del Pd, non se la deve prendere con Renzi, ma con se stesso, perché quella tradizione non ha espresso minimamente una capacità di rinnovamento. Quando si crea una situazione così complessa e dolorosa nel partito, mi pare difficile poter addossare tutte le responsabilità a Renzi. Renzi ha vinto le europee, ha vinto le primarie, sta governando tutto sommato in maniera efficace tra mille difficoltà, il Paese sta tornando ad essere rispettato anche in Europa. Renzi ha più volte dato la possibilità di una discussione democratica, la direzione nazionale del partito non ha mai discusso tanto quanto in questo periodo. Mi è sembrato che ci fosse nei suoi confronti un atteggiamento ideologico, un atteggiamento pregiudiziale e quindi una volontà di non rinnovare la propria tradizione. Ma questo non tanto in Cuperlo, che stimo molto. Io dico che nell’insieme la tradizione dei comunisti italiani non è stata all’altezza, né adesso né prima. Comunque non temo scissioni nel Pd”.

Marchini appoggiato da FI. “Marchini non è mai stato di sinistra –ha sottolineato Bettini-. Aveva un nonno che era un grande imprenditore comunista, che ha anche aiutato il partito comunista nel dopoguerra. Alfio Marchini invece non è mai stato comunista, lo ricordo come una persona trasversale”.

Fonte: Radio Cusano Campus