8 dicembre 2016

“Il Sogno di scrivere per il Cinema”, l’intervista ad Annamaria Granatello

Quando nasce il Premio Solinas?

Nel 1985 a La Maddalena per rendere omaggio alla memoria dello scrittore e sceneggiatore sardo Franco Solinas scomparso prematuramente nel 1982 ed autore del romanzo Squarciò e di film come La battaglia di AlgeriKapò e Queimada di Gillo Pontecorvo, L’Amerikano di Costa-Gavras e Mr. Klein di Joseph Losey. L’idea, nata da Felice Laudadio, intendeva valorizzare la figura dello sceneggiatore e sottolineare la forza delle idee e delle storie.

Il Premio ha compiuto trent’anni, come si è evoluto?

Nell’arco di questi trent’anni si è notevolmente trasformato. Resta il Premio più importante e prestigioso sia nel panorama italiano sia in quello internazionale, ma oggi è una vera propria Bottega creativa, un incubatore di talenti: si parte da una rigorosa, seria e professionale selezione dei progetti capace di offrire agli autori che arrivano in finale borse di sviluppo, premi in denaro e, da qualche anno, anche LAB di Alta Formazione. La nostra mission: creare, attraverso i nostri concorsi, nuove opportunità per gli autori con la costruzione di un ponte con l’industria che, assieme alla nostra capacità di rinnovarci e sviluppare, ci rende unici.

In cosa consiste questo rinnovamento?

Siamo una struttura permanente, attiva tutto l’anno, costantemente impegnata a bandire concorsi, a premiare autori e progetti e ad accompagnare i nuovi talenti fino alla realizzazione dei Film. Abbiamo creato una formula di concorso connessa a laboratori per lo sviluppo dei progetti. Un percorso creativo integrato che parte dalla selezione e dallo sviluppo dei progetti che favorisce l’avviamento professionale degli Autori e crea le basi per la realizzazione dei Film.  I Giurati diventano Tutor di sceneggiatura, regia, produzione e trans- media storytelling. Allo stesso tempo organizziamo pitch party e/o coffee pitch – incontro one to one – con produttori e finanziatori. Alcuni nostri concorsi sono stati sviluppati in collaborazione con Rai Cinema e Rai Fiction e questo ha permesso l’esordio di 5 squadre di Autori/registi.

Vengono premiati i talenti?

Assolutamente sì. Tra i nostri finalisti e premiati ci sono sceneggiatori, registi, scrittori affermati ed alcuni Premi Oscar: Paolo Sorrentino, ha esordito grazie al Premio Solinas con L’UOMO IN PIU’. Il 70-80% di loro sono diventati sceneggiatori e registi affermati: sono oltre 90 i film realizzati a partire da opere premiate e segnalate, 10 i cortometraggi prodotti e distribuiti nelle sale e sul web e 3 le web series realizzate da Rai Fiction. Il vincitore del Premio Franco Solinas di quest’anno ha già trovato il produttore e scatenato l’interesse di vari registi e tre film sono attualmente in fase di realizzazione. Tutti dati che raccontano che siamo capaci di scovare talenti e storie originali.

Tra i giurati ieri c’erano Ugo Pirro, Leo Benvenuti, Piero De Bernardi, Gian Maria Volonté, Age & Scarpelli, Suso Cecchi D’Amico… e oggi?

Nel 2015 hanno lavorato con noi circa 60 Giurati – sceneggiatori, registi, montatori, critici cinematografici, artisti – tra cui: Monica Zapelli, Stefano Rulli, Sandro Petraglia, Daniele Luchetti, Claudio Cupellini, Gloria Malatesta, Silvia Napolitano, Filippo Gravino, Francesco Bruni, Graziano Diana, Salvatore De Mola, Laura Luchetti, Stefano Sardo, I MASBEDO, Ilaria Fraioli, Isabella Aguilar, Cristina Piccino, Mariangela Barbanente  e tantissimi altri… Sono delle vere e proprie squadre creative: per il Premio Franco Solinas dedicato ai soggetti e alle sceneggiature lavorano in media 26 giurati, per il concorso La Bottega delle Web Series altri 10, stessi numeri per quanto riguarda il concorso EXPERIMENTA dedicato ai film low budget e per il Premio Solinas Documentario per il Cinema. Per scoprirli tutti ti invito a visitare il nostro sito www.premiosolinas.it e a cercare “Tutti i Giurati” nella sezione Albo d’Oro, ti renderai conto che il Cinema Italiano lavora a favore del Cinema Italiano, insieme a noi.

Perché il Solinas ha preso in esame il documentario, i corti, le web series?

Perché siamo contemporanei, con uno sguardo aperto sul mondo, in continuo rinnovamento. Ascoltiamo e guardiamo con attenzione quel che accade nell’audiovisivo, sia italiano sia internazionale, che si sta sviluppando in maniera incisiva anche sul web. Siamo capaci di metterci in discussione, di porci domande – in continuazione – di cercare risposte e proviamo a creare le condizioni di base per l’emersione del talento a partire dalla scrittura. Questa continua evoluzione ci ha portato ad aprire il Premio a vari generi e formati: quello brevissimo dei corti e quello seriale declinato per il web. Il Premio Solinas dedicato al documentario di creazione – che realizziamo in collaborazione con Apollo 11 – intende invece promuovere e sviluppare la fase iniziale del processo creativo, che parte dalla scrittura e dalla progettazione.

All’interno del Solinas numerose iniziative tra le quali La Bottega delle Web Series ed EXPERIMENTA. Cosa sono?

Premio Solinas EXPERIEMENTA è un concorso laboratorio dedicato ai progetti low budget e alle piattaforme multimediali per sceneggiatori, registi e filmmakers under 35. La Bottega delle Web Series seleziona, sviluppa e realizza progetti prioritariamente destinati al web in collaborazione con Rai Fiction.

In che consistono i laboratori e le borse di studio?

Il Premio Solinas è fondamentalmente una bottega creativa, un luogo, inteso sia come spazio fisico che come agorà di specializzazione, in cui mettere in atto un percorso guidato di alta formazione per sviluppare il racconto nelle sue più concrete potenzialità. Ti porto l’esempio del Premio Franco Solinas: la valutazione, il tutoraggio e lo sviluppo sono gestiti creativamente – con grande generosità e responsabilità – dai giurati che aiutano gli autori a rendere i loro progetti più forti. Le borse di studio sono messe a disposizione dalle SIAE.
Con INTEGRA-LAB, nato dalla collaborazione con l’Università Roma Tre, abbiamo stimolato e provocato un approccio più consapevole allo sviluppo – sia per i finalisti sia per gli studenti – e portato a compimento 12 sceneggiature, presentate successivamente a produttori, registi e network. Speriamo di avergli dato degli strumenti e dei contatti che  possano avviarli alla professione. La Bottega delle web series mette in palio tre Premi in denaro, la partecipazione al lab di Alta formazione per sviluppare il progetto e la possibilità di realizzare lo stesso. Rai Fiction, difatti, in sintonia con i Tutor sceglie uno dei tre progetti e lo produce.

È cambiata la figura dello sceneggiatore che riceve un Premio Solinas?

Gli sceneggiatori sono soggetti unici, ognuno ha un proprio talento e una personalità forte. Oggi c’è maggiore consapevolezza degli strumenti tecnico/teorici. Molti degli Autori che partecipano hanno frequentato scuole di scrittura cinematografica. Allo stesso tempo, qui da noi, continuiamo a scoprire autodidatti e talenti con una naturale capacità di narrare e innovare.

Il cinema italiano si sta rinnovando?

Stiamo vivendo una delle stagioni più belle del nostro cinema. Film ben scritti, sceneggiatori maturi e consapevoli, capaci di costruire storie interessanti, registi che sanno raccontare ed emozionare e che riescono a mettere d’accordo critica e pubblico. Siamo presenti nei maggiori festival italiani e internazionali. È un momento straordinario. C’è nell’aria un’energia positiva capace di generare felicità e fiducia. Speriamo che il MIBACT e i finanziatori se ne rendano conto e decidano di rispondere aumentando le risorse, in particolare per la fase più importante del processo creativo, quella dello sviluppo.

Cosa vuol dire lavorare al fianco di Francesca M. Solinas, presidente onorario del Premio Solinas?

Io e Francesca lavoriamo insieme dal 1992, mi ha insegnato gran parte delle cose che conosco. Siamo amiche, sorelle, colleghe. Discutiamo tantissimo, di qualsiasi cosa. Tentiamo di trovare, insieme, strade nuove. Percorso che condivido con Emanuele Bevilacqua, Angela Cinotti e tutti i Giurati.

Un consiglio a chi vuol fare il mestiere di sceneggiatore.

Scrivere, leggere, riscrivere, avere uno sguardo aperto sul mondo. Vivere.

 

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.