5 dicembre 2016

Santi Cosma e Daminano, fiori di marmo e bronzo per parlare di Pace

 

Si è svolta mercoledì 25 maggio la cerimonia di inaugurazione dell’ultima opera frutto delle attività legate al progetto “Pellegrini della Memoria”, per il settantesimo anno dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, che ha coinvolto gli studenti delle scuole di Santi Cosma e Damiano e di Castelforte .

Per sviluppare una piena consapevolezza da parte dei giovani di cosa significa la guerra e dell’importanza di difendere la pace è stato effettuato un percorso di “progettazione partecipata” che li ha portati alla fine a realizzare dodici disegni sul tema e una bellissima poesia sulla pace. Lungo il percorso essi hanno avuto la possibilità di incontrare diversi referenti delle Associazioni culturali del luogo con cui hanno riletto in modo nuovo la storia, dall’epoca dei popoli italici fino ai nostri tempi.  Questa è peraltro il modo nuovo con cui la Scuola vuole trasformare la didattica e le stesse strutture scolastiche. La legge 107, detta “la Buona Scuola” e l’azione che sta svolgendo il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica (il MIUR) ha proprio questo come obiettivo.

Il programma formativo svolto con gli studenti e che ha trovato il conforto, degli insegnanti, delle Associazioni culturali del territorio, dei referenti politici e tecnici degli enti locali è stato un vero e proprio laboratorio di innovazione didattica. Proprio per questo motivo esso è stato premiato a livello nazionale dall’Associazione dei Formatori Italiani con una segnalazione di “eccellenza”.

Il lavoro artistico dei giovani studenti è stato poi portato alla famosa ditta Marinelli di Agnone che ha sapientemente tradotto i dodici disegni in quadri in bronzo all’interno della sua fonderia nota in tutto il mondo. I giovani artisti l’hanno visitata e hanno potuto costatare come passare dal disegno alla forma in cera, prima della fusione, insieme ad Armando e Paola Marinelli.

I quadri in bronzo così prodotti sono stati posti su due blocchi di marmo di Coreno posti qualche mese fa in Piazza San Lorenzo, a Santi Cosma e Damiano, e all’ingresso di Suio Alto (frazione di Castelforte).

L’ultima opera, scoperta mercoledì scorso, il 25 di maggio, è stata posta davanti alla chiesa dell’Annunziata in un luogo che si pone al confine dei due Comuni.

L’opera è stata illustrata dal prof. Renato Di Gregorio. “Si tratta di due steli in ferro che sorreggono un bocciolo di pietra di Coreno e che hanno, come foglie, gli ultimi quattro quadri di bronzo che riportano il lavoro dei giovani studenti” egli ha spiegato.

I due steli rappresentano i due Comuni con l’auspicio che continuino a cooperare, la pietra di Coreno ricorda l’identità territoriale che fornisce ancora una linfa sostanziale all’economia del luogo, l’opera in ferro valorizza l’artigianato locale, l’idea creativa rappresenta in qualche modo il risultato indotto del programma Torno Subito. Infatti l’opera in ferro è stato fatto da una ditta di Castelforte e l’idea creativa è stata messa a punto dalla giovane architetta Valeria Galluzzi che grazie al programma regionale ha studiato in New Mexico e poi ha effettuato il tirocinio nell’Associazione di Comuni della provincia di Rieti (SER.A.R.) .

Alla cerimonia ha preso parte il dott. Vincenzo Petruccelli, vicesindaco di Santi Cosma e Damiano e presidente dell’Associazione dei Comuni della provincia di Latina  (SER.A.L.).

Egli ha ricordato quanto sia importante ricordare la guerra e anelare la pace, non solo per i giovani della comunità locale, ma anche per gratificare quei giovani soldati che sono morti in quella tragica fase della seconda guerra mondiale che ha coinvolto il territorio. Egli ha ricordato quanto sia stato importante per il collega amministratore polacco di Terezin, che è venuto di recente a celebrare il gemellaggio con SS. Cosma e Damiano, visitare i luoghi dove hanno combattuto i suoi concittadini e ha trovato la morte il nonno.

Il dott. Vincenzo Testa, che ha rappresentato il Commissario straordinario che gestisce il comune di Castelforte, e Armando Marinelli, della prestigiosa ditta omonima, hanno ricordato quanto sia stato importante per i giovani cimentarsi “come protagonisti” in questo programma e come ormai sia entrata nella storia il loro lavoro creativo, considerato la vita delle opere realizzate in bronzo. .

Il nuovo dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Santi Cosma e Damiano Guido Rossi, la prof.ssa Rosalia Marino si è detta orgogliosa di essere venuta a lavorare in questo nuovo contesto. La prof.ssa Di Principe dell’Istituto omnicomprensivo di Castelforte ha voluto ricordare Piero Calamandrei, padre della Costituzione Italiana, ricordando la famosa dichiarazione che egli fece il 26 gennaio del 1955 a Milano, riferendosi alla Costituzione : “Quindi, quando vi ho detto che questa è una carta morta, no, non è una carta morta, questo è un testamento, un testamento di centomila morti. Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra costituzione “

About Giovanni Soldato 2951 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.