8 dicembre 2016

Tolfa, elezioni: Lista Civica Tolfa Cambia

Abbiamo deciso di dar vita a questa lista civica per portare nel Palazzo Comunale il cambiamento ed il rinnovamento di cui Tolfa ha bisogno.

Crediamo che la comunità chieda ora più che mai un nuovo modo di amministrare ed un’etica politica basata sull’onestà, la trasparenza, la legalità e la condivisione delle scelte.

Bisogna liberare Tolfa dal torpore, riportare la fiducia persa, costruire un futuro migliore per noi e per i nostri figli.

Legalita’ quindi al primo posto come condizione indispensabile e necessaria per la vita della comunità e la sopravvivenza della vita sociale tra le persone. Il Comune di Tolfa, più che punto d’incontro con i cittadini, è oggi un luogo dove la Magistratura è ormai di casa, tante sono le inchieste che riguardano l’attuale amministrazione comunale e quella precedente. Tra avvisi di garanzia e rinvii a giudizio non si riesce più a tenere il conto. Fatti contestati anche gravi che richiedono verità soprattutto perchè alcuni reati tipici della Pubblica Amministrazione possono provocare la sospensione dalla carica di Sindaco in caso di condanna in primo grado (legge Severino).

Sviluppo: un modello di sviluppo integrato con l’ambiente da cui trarre lavoro, welfare, sviluppo, salvaguardia delle tradizioni e, infine, benessere per i cittadini.

Pensiamo ad un territorio dove le regole per realizzare qualcosa siano chiare: pensiamo ad un regolamento organico del territorio al di fuori del centro abitato che dia la possibilità a chi possiede un manufatto agricolo di valorizzarlo e riconvertirlo per finalità produttive o legate al turismo. Pensiamo, accanto a questo, ad una opportunità vera soprattutto per i giovani, e già ce ne sono alcuni che hanno iniziato questo percorso, di ritornare sulle terre dei padri e dei nonni per coltivare prodotti agricoli, piante officinali, lavanda, zafferano, canapa e quant’altro dando impulso ad un mercato in forte crescita di prodotti biologici, a chilometri zero, frutta, prodotti del bosco, miele, formaggi e, ovviamente carne di qualità.

Un nuovo Piano Regolatore che abbia queste capacità e dia certezze a chi vuole operare in queste direzioni abbattendo tempi burocratici e portando lavoro a tecnici e artigiani locali. Soprattutto un PRG che tratti tutti i cittadini allo stesso modo senza varianti urbanistiche su misura che negli ultimi anni hanno visto protagonisti per lo più imprenditori esterni.

Non servono lottizzazioni e nuovi palazzoni, non servono colate di cemento: servono poche regole giuste e la grande determinazione di cambiare verso al nostro territorio. Pensiamo che si deve dare precedenza al recupero degli immobili oggi esistenti nel nostro “centro storico”. Anche la realizzazione di alloggi popolari potrebbe trarre spunto dalla possibilità di acquistare abitazioni del centro storico da ristrutturare ed assegnare a famiglie che ne hanno bisogno. E poi realizzare le infrastrutture a cominciare dalle strade rurali.

Valorizzazione del Patrimonio: il Comune è proprietario di immobili di grande pregio e valore storico che devono essere volano di cultura, qualità della vita dei cittadini ma anche economia, turismo e quant’altro a favore della comunità tolfetana.

I parchi pubblici – Villa Comunale, Parco della Pace, Boschetto ed altri – devono essere riportati a bellezza e funzionalità da far godere ai cittadini e bambini ed essere anche richiamo per i visitatori che vengono a Tolfa.

Il Museo, la biblioteca e tutto il complesso dell’ex Convento dei Padri Agostiniani e Chiesa della Sughera devono essere valorizzati al meglio e fatti funzionare con l’aiuto dei giovani che già operano all’interno della struttura e con progetti di qualità e quantità che dovranno far aumentare le presenze dei visitatori come pure il numero delle iniziative da realizzare all’interno della struttura. Palazzo Buttaoni aspetta da tempo di essere riaperto e messo a disposizione per altre attività come pure il Palazzaccio di Via Frangipane.

L’ex Convento dei Cappuccini deve diventare volano di nuove attività turistiche, culturali e di valorizzazione del territorio ma non può essere affidato se non con una procedura rigorosa che tuteli al massimo i veri proprietari della struttura, cioè i Tolfetani.

Ci sono case popolari al Poggiarello da finire ed assegnare a famiglie di tolfetani.

La sorgente del Bagnarello dove il Comune, in accordo con Università Agraria e Confraternita comproprietarie dell’area, dovrà studiare una qualche pulizia, manutenzione e regolamentazione dell’utilizzo che rispetti l’attuale aspetto dei luoghi.

La Piazza Vittorio Veneto – Piazza Nova – che per la sua ampiezza e posizione è di fatto il centro delle attività cittadine insieme a Via Roma deve trovare nuovi e diversi utilizzi oltre all’attuale: pensiamo a mercatini di produttori agricoli locali, di artigiani locali. Pensiamo ad un maggior utilizzo delle isole pedonali serali nel periodo estivo per provare a rilanciare le attività commerciali e far tornare la gente a passeggiare per le vie di Tolfa.

La Rocca dei Frangipane che insieme alla strada di accesso ed il sottostante borgo sono un vero e proprio gioiello ed un pezzo di storia della nostra comunità: un posto magico che deve essere riaperto al pubblico dopo troppi anni di abbandono e chiusura.

Sostenere e migliorare se possibile eventi come Tolfarte, Festa della Musica, Tolfa in Musica, Tolfa Jazz, Torneo dei Butteri, le varie sagre estive, la Festa Patronale, il Drappo dei Comuni, l’Ecomaratona, l’Arrampicata podistica e le altre iniziative che già sono presenti e devono rimanere. Ma queste iniziative non devono essere fini a se stesse ma  l’attrazione per far tornare il turismo a Tolfa, per far crescere tutte le attività di economia sostenibile, commerciale, turistica, agricola, dei prodotti tipici, artigianale che la nostra cittadina può offrire.

Gli impianti sportivi necessitano di manutenzioni alcune delle quali urgenti, tipo la sostituzione del manto erboso del Campo di calcio dello “Scoponi” ormai vecchio e da sostituire. Va spostata assolutamente l’isola ecologica che non può stare attaccata alla palestra comunale in mezzo a tutti i principali impianti sportivi del paese ma deve trovare una location migliore magari in accordo e collaborazione con il Comune di Allumiere che ne ha una ad un chilometro di distanza. Anche la palestra comunale ha bisogno di interventi vari ed una regolamentazione che dovrà discendere dal Regolamento Comunale per gli Impianti Sportivi, che non esiste, dando sicurezza e giuste modalità di utilizzo alle associazioni sportive che la usano.

Il Polo Fieristico della Nocchia rappresenta un’altra opera dal grande costo per la collettività (oltre mezzo milione di euro) e dal piccolo ritorno in termini di servizi e benefici ai Tolfetani. Il suo utilizzo risulta molto limitato rispetto alle sue potenzialità soprattutto perché si è preferito investire in opere secondarie anziché privilegiare in primis la realizzazione dei servizi di base che ogni impianto del genere dovrebbe avere quale l’elettrificazione dell’area (ancora oggi per ogni manifestazione si utilizzano i gruppi elettrogeni in affitto), l’adduzione idrica, servizi igienici e gli altri servizi necessari. L’Area va valorizzata e messa in condizione di essere veramente ed in via continuativa utilizzata per manifestazioni che interessino vari settori della nostra economia a cominciare ovviamente dal mondo dei cavalli, le feste di campagna ecc.

La pista pedonale tra Tolfa ed Allumiere è invece una delle priorità, secondo noi, per quanto riguarda la realizzazione di infrastrutture dedicate allo sport ed al tempo libero. Se ne parla ormai da troppo tempo senza che vi sia una seppur minima traccia di opera realizzata.

Un altro settore su cui intervenire, oltre a quello già esposto in precedenza, è quello dei Servizi comunali. Ad iniziare dalla raccolta differenziata, importante e molto sentita dai cittadini, per la quale, dopo un anno, c’è la necessità che l’Amministrazione ascolti i cittadini per capire cosa funziona bene e cosa va migliorato. Ad esempio l’isola ecologica ubicata dietro la palestra comunale va rimossa e realizzata in altro sito e ne va realizzata una per la Frazione di Santa Severa Nord e va ampliato l’orario di apertura al pubblico.

Per quanto riguarda scuola e pubblica istruzione bisognerà lavorare per un restyling completo dell’edificio che ospita le scuole cittadine e delle aree aperte circostanti di pertinenza della scuola considerate le attuali condizioni in cui versano. Lo stesso dicasi per la Scuola della Frazione abbandonata all’e erbacce all’immondizia. Va migliorato il servizio mensa, a misura di bambino ed in collaborazione con la commissione mensa che soprattutto in sede di programmazione deve essere punto di riferimento per l’Amministrazione Comunale. Una attenzione particolare vorremo dedicarla al personale che opera all’interno della mensa per garantire il pieno rispetto di tutte le norme contrattuali e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Un altro intervento che appare abbastanza urgente è la sistemazione o la sostituzione dello scuolabus.

Per quanto riguarda il sociale ci sarà da lavorare sulle attività di sostegno alle famiglie in difficoltà o con all’interno soggetti appartenenti a categorie socialmente più bisognose del sostegno e dell’aiuto concreto della comunità. In tal senso andranno sfruttate tutte le opportunità che il Distretto Socio Sanitario mette a disposizione per dare il massimo dei servizi possibili ai nostri concittadini che ne faranno richiesta. Va inoltre approfondito il ruolo dell’Amministrazione Comunale nell’ambito della società di gestione della “Quinta Stella” ed il controllo che i cittadini si aspettano sulle sue attività con particolare riferimento anche alla corretta applicazione dei contratti di lavoro al personale utilizzato.

Attiveremo Politiche Giovanili volte al dialogo con i giovani ed al loro coinvolgimento nella vita amministrativa e sociale della comunità cercando di mettere a disposizione spazi ed aree adatte allo svolgimento di attività, manifestazioni, iniziative culturali da loro stessi volute ed organizzate con particolare riferimento all’espressione artistica ed alla musica.

Vorremmo infine provare a dare un assetto più produttivo al settore della Caccia con la riserva della zona Nord da lasciare all’autogestione dei cacciatori locali e quella di Santa Severa da valorizzare meglio mentre avvieremo progetti per la produzione di selvaggina in loco e ci adopereremo per una diversa regolamentazione della caccia al cinghiale oggi vero problema del territorio per il numero elevato di capi presenti.

Molte le iniziative e progetti che proponiamo per la Frazione di Santa Severa Nord, dalla sistemazione dell’Area Artigianale e Scuola, a quella degli impianti sportivi, dal sottopassaggio alla Stazione ferroviaria, per noi prioritario per la sicurezza dei cittadini pendolari, al wi-fi gratuito, alla guardia medica ed all’apertura dell’Ufficio Comunale.

Tante le cose da fare quindi ma la nostra squadra è pronta ed all’altezza della situazione. Se avremo la fiducia degli elettorali sapremo ben meritarla riaprendo le porte del Comune, chiuse da troppi anni, all’ascolto ed alla condivisione.

Lista Civica TOLFA CAMBIA

Mario Curi

About Ruggero Terlizzi 2879 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it