4 dicembre 2016

Roma, Cozza: “Convertire le vecchie strutture carcerarie in ostelli e luoghi per le associazioni”

“Mi trovo in linea con l’idea della chiusura degli spazi carcerari strutturalmente più antichi, vista la loro impossibilità di rispondere alle tante esigenze dei tempi moderni. Si dovrebbero, infatti, costruire penitenziari con strutture più moderne e più umanamente vivibili: strutture che siano concepite come dei veri centri riabilitativi, alla luce di un reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti, e non solo come penitenziari meramente punitivi.

Le ragioni sono molteplici, tuttavia principalmente ritengo che nuovi spazi rieducativi aiuterebbero anche a risolvere il problema del sovraffollamento dei penitenziari del nostro Paese.

Oltretutto, penso che le vecchie strutture, che sono sempre in zone molto centrali della città, potrebbero essere riutilizzate in maniera utile ed efficace e quindi assolutamente non abbandonate. La mia proposta è convertirli in Ostelli della Gioventù o in luoghi da affidare ad associazioni culturale, per creare uno stimolo alla scena culturale della Capitale e per rilanciare il turismo. Il fine è di reinvestire in maniera creativa nella storia della nostra città, aiutando a convertire uno spazio dedicato ai giovani e alla cultura. 

Così in una nota Alessandro Cozza, Candidato PD al Consiglio di Roma Capitale.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.