8 dicembre 2016

Museo del Sottosuolo di Napoli: in scena “Il Dio Cesare”

Settimana ricca di spettacoli teatrali al Museo del Sottosuolo di Napoli. In scena, oltre al consueto e site specific “L’Inferno di Dante” di Domenico Maria Corrado, anche “Il Dio Cesare”, liberamente ispirato al “Caligola” di Albert Camus con replica doppia domenica 5 giugno alle ore 18 e 21. Spazio anche alla scoperta del sottosuolo con la visita guidata dal munaciello.
IL DIO CESARE
(Liberamente ispirato al Caligola di Albert Camus)
Con la morte di Drusilla, sua sorella e sua amante, l’imperatore Caligola sprofonda nell’infernale tormento dell’odio, si ribella alla vita e, avendone il potere, si comporta come questa.
Attraverso il delitto e il pervertimento di tutti i valori esercita una libertà distruttiva spingendo l’assurdo fino alle estreme conseguenze.
Spopola il mondo che lo circonda tanto da armare contro di sè coloro che finiranno per ucciderlo.
NOTE DI REGIA
“Il Dio Cesare” affronta il dramma di un uomo che insegue l’impossibile.
Caligola è concepito come un eroe dionisiaco in un testo che ricalca i canoni della tragedia nietzschiana: culto dionisiaco della voglia di vivere e della libertà spinta fino all’ossessione attraverso la scoperta del male e della morte.
Rispettando i passaggi fondamentali della vita dell’imperatore, gli accadimenti sono filtrati attraverso gli occhi di Caligola.
I quadri che compongono l’intera rappresentazione oscillano dal linguaggio naturalistico a quello più astratto, a seconda dei diversi stati di coscienza che vive il protagonista.
Un lavoro che si esprime senza perbenismi scenici attraverso pennellate di comicità grottesca che affiancano i momenti più drammatici e filosofici del testo.
“Attraverso Caligola, per la prima volta nella storia, la poesia provoca l’azione e il sogno la realizza”.
IL DIO CESARE
(Liberamente ispirato al Caligola di Albert Camus)
Regia: Ivano Bruner, Maria Claudia Pesapane
Personaggi e interpreti
Caligola: Ivano Bruner
Cesonia: Maria Claudia Pesapane
Cherea: Darioush Forooghi
Elicone: Luigi Palmisano
Scipione: Raul Quagliata
Senatori: Chiara Di Bernardo, Giovanna Landolfi
5 Giugno 2016
Ore 18
Ore 21
Biglietto 10€
Museo del Sottosuolo di Napoli
Piazza Cavour 140, Napoli
Per info e prenotazioni
081 8631581/ 339 1888611
329 8170260
“L’Inferno di Dante” è in scena al Museo del Sottosuolo di Napoli fino a maggio 2017!
Tappeto Volante di Domenico M. Corrado presenta:
L’inferno di Dante nel Museo del Sottosuolo di Napoli
Personaggi e Interpreti (In ordine di apparizione): Monica Caruso; Mario Guadagno; Anna Edipio; Emilio Caruso; Maria Giusy Bucciante; Giancarlo Grosso; Diletta Acanfora; Vincenzo Veneruso; Federica Cannavo; Salvatore Mazza; Enzo Varone; Ciro Zangaro; Federica Cannavo; Francesco Merlino; Rodolfo Medina; Il Genere Umano.
Musica: Enzo Gragnaniello
Disegno Luci: Franco Polichetti
Elementi scenici: Mario Paolucci
Video: Giada De Gregorio
Costumi: Federica Amato
Maschere: Luca Arcamone
Coreografie: Monica Caruso
Grafica: Ciro Cozzolino
Ufficio stampa: Emma Di Lorenzo
Foto: Luigi Maffettone
Direzione Museo: Luca Cuttitta
Direzione tecnica: Franco Polichetti
Direzione di scena: Mario Paolucci
Segreteria: Laura Alfano
Produzione esecutiva e amministrazione: Adelaide Oliano
Adattamento e regia: Domenico M. Corrado
Date e orari:
domenica 29 maggio alle ore 11 e 12.30;
sabato 4 giugno ore 18.30;
sabato 18 giugno ore 19;
sabato 9 luglio ore 20.30.
La prenotazione è obbligatoria.
Per maggiori info e/o prenotazione 081 863 1581 – 339 1888611
———————————————————————-
VISITA GUIDATA AL MUSEO DEL SOTTOSUOLO con ‘O Munaciello
Ogni venerdì, sabato e domenica il Munaciello accompagnerà i visitatori alla scoperta delle meraviglie del Museo del Sottosuolo. Per conoscere gli orari, si consiglia di consultare il sito
Museo del Sottosuolo di Napoli (diretto da Luca Cuttitta)
Piazza Cavour, 140 (vicinissimo alla fermata della Metropolitana linea 1 e 2 di Museo)
tel. 081451085
Per informazioni e prenotazione (consigliata)
www.tappetovolante.org/prenota 081 863 1581/ 339 18 88 611
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.