5 dicembre 2016

Bracciano, il candidato sindaco Tondinelli scrive all’On. Minnucci

Caro onorevole Minnucci, ho letto il suo post su un social network, relativo all’iniziativa svolta sabato scorso alla sua presenza, in sostegno del candidato sindaco del PD, Claudio Gentili. Nella stessa Lei ha detto: “Molta partecipazione, temi concreti, niente fango sugli avversari. Questo è il nostro stile”.

Volevo dirle che nei suoi confronti, sia quando ricoprì il ruolo di sindaco di Anguillara Sabazia, sia oggi che siede su uno scranno di Montecitorio, non ho avuto molto da dire. Anche quando non ho condiviso alcune sue scelte, le ho sempre ritenute legittime. Essendo comunque la persona che, forse più di tutti, in questa campagna elettorale, come in altre occasioni precedenti, sono stato fortemente critico nei confronti della passata giunta e del candidato sindaco da lei sostenuto, mi sento chiamato in causa da questa sua frase.

Le accuse, spesso circostanziate e ben definite, che rivolgo a queste persone, non posso permettere che vengano definite “fango”. Avendo inoltre, con un tweet, (testo “Oggi on.@eminnucci a #Bracciano per spingere Gentili del #PD in 1/2 ora a RM. Dica anche quanti soldi ammonta il dissesto fatto da Sala #PD”) segnalato l’inopportunità della sua presenza a Bracciano, volta a lodare un accordo che, chissà quando, porterà qualche vantaggio ai nostri pendolari, non posso non risponderle in merito.

Le vorrei spiegare che questa mia ostilità nei confronti del locale circolo del suo partito e degli esponenti politici da lei espressi, non dipende da un’aggressività esagerata o da un’intolleranza rispetto alle idee diverse dalle mie.

A Lei chiedo però di venire a spiegaci come sia stato possibile che la giunta PD di Bracciano abbia tradito i suoi elettori, realizzando un sistema di potere che, a danno del Comune, e quindi dei cittadini braccianesi, ha tutelato gli interessi solamente di pochi noti.

Volevo che ci venisse a spiegare come mai l’ex sindaco Giuliano Sala sia stato condannato in primo grado, in due diversi processi, a pagare al Comune una cifra complessivamente superiore al milione di euro, perché i giudici gli hanno riconosciuto un danno erariale.

Volevo chiederle di spiegare perché, avendo indebitamente denunciato me, la RAI e altri cittadini braccianesi, solo perché abbiamo evidenziato diverse azioni “poco chiare” dell’amministrazione Sala, perdendo la causa ed essendo stato condannato a pagare oltre centomila euro, ha sporto tale querela in qualità di sindaco, facendo pagare le spese al Comune.

Volevo che ci venisse a spiegare come mai, dopo l’uscita dalle scene dell’ex sindaco Sala, per la scelta del candidato, nonostante le richieste di alcuni suoi compagni di partito, non siano state effettuate le primarie, ma ci sia stata un’investitura a Claudio Gentili, con una metodica che ricorda tanto una cerimonia medievale, sembra mancasse solo la designazione con la spada posata sulla spalla del neocandidato.

Mi chiedo, in questo periodo in cui è successo tutto ciò, se per caso Lei, che è sempre molto attento alle vicende del territorio sabatino, non si sia accorto di nulla, oppure ne ha avuto contezza, ma ha preferito tacere per interessi di partito.

E come a Lei, chiedo la stessa cosa al segretario del circolo braccianese Pietro Daminato, al segretario provinciale del suo partito e al Presidente della Regione, Nicola Zingaretti, anch’egli venuto qui sul lago a narrare le lodi delle vostre amministrazioni.

Come può ben capire, con le mie domande, tese a scoprire la verità dei fatti, e a comprendere le responsabilità di quanto accaduto in questi anni a Bracciano, cosa di cui, almeno in parte, ha già risposto la Magistratura, non posso essere accusato di “gettare fango”. In questo caso è stato il PD locale a gettare qualcosa che ha la stessa consistenza del fango, ma è prodotto in altra maniera ed è decisamente più nauseabondo.

Caro onorevole Minnucci, vorrei concludere questa lettera ricordandole che valori come la legalità, l’onesta intellettuale e civile non sono negoziabili. Dovrebbe essere Lei, onorevole, che siede nei banchi del Parlamento, il primo a difendere queste azioni sociali. Dovrebbe spiegarci anche perché alcuni giornali locali, sempre sensibili al suo operato nel territorio e a quello del suo ex collega di partito Sala, non hanno dato spazio ai provvedimenti con il quale i giudici hanno deciso in merito alle cause riferite ad alcuni componenti dell’ex giunta, come le sentenze emesse in questi giorni da parte della Corte dei Conti.

Caro onorevole, la mia voce la farò sentire sempre, perché credo che solo difendendo la legalità si possa costruire un futuro migliore, e spero che Lei, sensibile a questi temi, sia al mio fianco in questa lotta, indipendentemente dalle posizioni di partito.

Cordiali saluti

Armando Tondinelli

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it