6 dicembre 2016

Nuovi Talk Show in Rai, Airola, M5S: “Renzi ha iniziato a temere i talk show da quando noi abbiamo iniziato a parteciparvi”

Il Sen. Alberto Airola (M5S), membro di Commissione di vigilanza Rai, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Talk show. “C’è un disegno politico dietro i nuovi talk show previsti dai palinsesti Rai per la prossima stagione –ha affermato Airola-. E’ anche vero che i talk sono in crisi, perché c’è una saturazione totale delle chiacchiere da cui non si evince chi ha ragione e chi no. Uno dice bianco e uno dice nero, il telespettatore non saprà chi ha detto le cose vere. La verifica delle fonti e delle cose che si dicono dovrebbe farla il giornalista, cosa che non avviene mai. Quando abbiamo iniziato a partecipare ai talk show, Renzi ha iniziato a pensare che questi programmi non servono più ad ipnotizzare i cittadini dietro lo schermo, ma che potevano esserci argomentazioni più convincenti rispetto a quelle solite. Il 70-80% degli italiani si forma la sua opinione politica in tv. Io ero un operatore televisivo quindi conosco bene il mezzo della tv, è un mezzo che focalizza poco l’attenzione del telespettatore sui contenuti. E’ un po’ la vocazione della tv fare infotainment, però il servizio pubblico dovrebbe fare anche altro. Il problema è quello di un unico contenitore dove si passa dal faceto al serio con grande facilità come fa Vespa. E lo spettatore in questi passaggi si disorienta. Abbiamo chiesto al dg Rai di mandare Vespa a parlare di liposuzioni e a qualche altro giornalista di fare approfondimento. Non possiamo basare l’informazione sull’infotainment perché sarebbe un modo sbagliato di informare i cittadini”.

La decisione del M5S di partecipare ai talk. “Io ai tempi scrissi un post in cui paventai i rischi di partecipare alla tv, ma mi rendo conto che era necessario perché molti cittadini non sapevano neanche che faccia avessimo –ha spiegato Airola-. Ancora più adesso, i mezzi d’informazione fanno capo a partiti politici o a esponenti di partiti. Il nostro Movimento, nato dalla base e dai cittadini, si è trovato in parlamento con parlamentari che non avevano esperienza di comunicazione. Tutte le tv andavano all’assalto, neanche fossimo Mick Jagger. Se fossimo andati in tv all’inizio, senza farci un po’ le ossa e individuare le persone più capaci a comunicare sarebbe stato un problema. Abbiamo avuto dei consigli interni dai nostri uffici di comunicazione. I cittadini continuavano a seguire la tv e a percepire la nostra assenza. Purtroppo in Italia si esiste solo se si passa in tv, quindi molti cittadini non ci conoscevano. Questi sono stati i motivi che ci hanno portato a decidere di andare. Piazzapulita vicino a noi? Spesso Formigli ci ha attaccato nel passato, ora ha un po’ cambiato, ma dipende anche dallo share, noi aumentiamo di molto lo share dei programmi, facciamo guadagnare soldi e Formigli è giornalista di mondo. La tv fa pagare un prezzo alto, perché genera un rapporto da fan e da tifoso più che da cittadino attivo e partecipe. E’ un po’ come curare un eroinomane con l’eroina. Io vorrei che il popolo si stacchi dalla tv, scenda in strada e si interessi facendo politica attiva”.

Porro e Giannini. “Il servizio pubblico dovrebbe porsi in modo completamente diverso e purtroppo questo continuiamo a non vederlo –ha spiegato Airola-. Anche se il passaggio Gubitosi-Dall’orto è stato positivo, visto che Gubitosi di tv non capiva nulla, almeno Dall’orto viene da quell’ambiente. A Renzi gli perdonano tutto perché sono diventati tutti renziani, l’indipendenza giornalistica per varie ragioni, anche contrattuali. Stanno succedendo parecchie cose, in Rai si mandano via anche quelli che erano già stati nominati dalla politica come Porro e Giannini. Giannini ha anche dimostrato una certa indipendenza, ci ha anche messo la faccia”.

Il patto del Nazareno. “Oggi Zanda si è alzato in aula e ha difeso Verdini accusato di aver detto delle cose sulla scorta di Capacchione, questo a conferma che il patto del Nazareno è ancora vivo” ha raccontato Airola.

Fonte: Radio Cusano Campus